Fegato e cuore

Fegato e cuore
Vincenzo Caligiuri, o - come usano chiamarlo tutti - Vinnie, è un giovane immigrato italiano residente a Londra da tre anni. Ogni giorno della sua vita, per sbarcare il lunario, si vede costretto a prendere infinite palline di carne e dio-sa-cosa macinata, schiacciarle, farne un  hamburger e metterle su un panino insieme ad una improbabile salsina e una finta fetta di formaggio cheddar color arancio. Vive in una stanza in affitto, e ne esce solo per prender parte a quella che è la catena di montaggio del suo lavoro, con ben poco spazio per la sua vita. Una sera, dopo l’orario di chiusura, entra nel locale Steve Campbell, ex promessa del West Ham, un uomo con un segreto tra le costole e una lunga cicatrice a fare da serratura. Steve chiede una birra, ma il locale sarebbe chiuso. Il mangiaspaghetti serve lo stesso una pinta a Steve, e viene costretto dal suo capo a stare a casa, in punizione, per alcuni giorni. Ma Steve ha notato Vincenzo, e lo vuole con sé nell’avventura della sua vita: un negozio aperto 24 ore  in cui Vincenzo potrà fare lo stesso lavoro ma per molti più soldi, alloggio compreso. L’alloggio è a casa di Steve, e su una mensola troneggia un barattolo con una strana cosa a forma di cuore in formalina…
Alessandro Marchi è un giovane bolognese laureato in Storia contemporanea, ha già pubblicato un romanzo ed altri racconti. Sappiamo che per scrivere questo romanzo è stato spesse volte a Londra in cerca di ispirazione. E si vede. Da innamorata quale sono della città sul Tamigi, le brevi e intense descrizioni della stessa mi hanno fatto rivivere ogni mio passo nella capitale britannica; una ricca conoscenza delle avventure del West Ham e del Tottenham da parte di questo scrittore rendono tutto più reale, più vicino a noi. Quasi ci si immedesima in questo giovane immigrato, il nostro mangiaspaghetti compagno di sventure.. d’altra parte, chi fra di noi non ha come amico un Vincenzo qualsiasi, emigrato a Londra in cerca di fortuna e “costretto” a lavorare nella ristorazione (spesso e volentieri, con una laurea in tasca)? Romanzo molto piacevole, scritto molto bene; Mr Marchi ha ideato una storia originale e divertente, anche se a tratti ha veramente dell’inverosimile: essere abbordati amichevolmente da una ex quasi-stella del football con un segreto/dolore così grande chiuso in un vaso di vetro, che vive in una casa fatiscente ma vuole assumere per parecchie pound un giovane italiano solo perché gli ha servito una pinta fuori dall’orario di chiusura. Sembra surreale, eppure a ben pensarci potrebbe anche succedere in una città pazza come Londra, dove una magari canticchia tra sé per strada e viene fermata da una signora di una mezza età che inizia a saltare facendole mille complimenti. Quel cuore in formalina, il cuore di Steve, che nel petto ne porta un altro, più sano, è l’inizio. Non parlerò del fegato, sennò che gusto c’è?

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER