Giorno da cani

Giorno da cani
Ignacio Lucena Pastor viene ritrovato quasi morto a causa di una raffica di botte. L'ispettore Petra Delicado e il vice ispettore Garzón della polizia di Barcellona indagano sulla strana situazione dell'uomo che, ricoverato in ospedale, muore dopo pochi giorni. L'unica sua eredità è un piccolo cane bastardo che viene prontamente accolto nell'appartamento di Petra e battezzato Spavento, data la sua bella presenza. Durante le indagini i due singolari poliziotti incappano in un'addestratrice, in un'appassionata studiosa di cani e in un veterinario fascinoso: Valentina, Ángela e Juan. Le donne si innamoreranno dell'ispettore (che ricambierà in maniera rocambolesca), mentre Petra avrà una storia con il medico. Il caso sembra irrisolvibile, ma il ritrovamento di due strani quaderni nella casa del malvivente, le idee anticonformiste e bizzarre di  Ángela e qualche aiuto da una talpa anonima porteranno gli investigatori ad immergersi in una Barcellona sconosciuta: parrucchieri per cani, professori universitari, case farmaceutiche, canili, campi d'addestramento e malavita. Chi ha ucciso Pastor? Perché quel piccolo ladro di cani possiede una fortuna nascosta?
Più che un giallo, questo è un romanzo tout court. I due personaggi principali si completano l'uno con l'altra ed è irresistibile la loro convivenza fatta di sbronze al sapore di whisky, di litigate, di discorsi più o meno filosofici e di una languida quotidianità che è in una parola Mediterraneo. Lui è il ritrovato macho latino che ondeggia tra l'indecisione e la crisi dopo la perdita della moglie, lei è l'eterna insoddisfatta che dopo il secondo divorzio non crede più negli uomini. Anche se il colpevole si intuisce dopo il primo centinaio di pagine, è proprio il carattere esplosivo e sincero ereditato a tutto tondo dall'eterna magia di Barcellona a farci amare l'ispettore Delicado. In più, dopo aver letto questo libro saremo sicuramente più rispettosi e vicini ai nostri amici a quattro zampe. Manca il dialetto, poi siamo allo stesso livello di Camilleri.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER