Giudici

Giudici

L’Italia unita è realtà solo da poco. Il giudice sardo Efisio Surra viene inviato in Sicilia, a Montelusa, con l’incarico di mettere ordine. Il nuovo regno ha bisogno di persone di cui fidarsi, pertanto Surra, inviato come sostituto del vecchio presidente Fallarino, deve ricostruire il tribunale e fare piazza pulita dei filoborbonici ancora fortemente presenti nell’apparato statale. Ma la regione è restia al cambiamento, e ben presto deve confrontarsi con la resistenza dei siciliani e con la connivenza anche inconsapevole con il sistema mafioso, del quale però non sembra rendersi conto… Bologna, 1980. Il brigadiere Ferrucci, per tutti Ferro, ha cinquantasei ma ne dimostra qualcuno in più. Gli viene affidato un compito insolito, cioè di scortare la Bambina, un giudice istruttore di trent’anni che ne dimostra molti meno. È piccolina, bionda, carinissima. Ma perché dare la scorta a un giudice che, a quanto si sa, si sta occupando solo di un caso di bancarotta fraudolenta? Questo non riesce a capirlo, ma qualcosa comincia a non andare per il verso giusto e la Bambina e Ferro subiscono un agguato. Cosa c’è dietro? È solo l’inizio di un’intricata indagine in un periodo oscuro e sanguinoso per l’Italia… Ottavio Mandati, procuratore della Repubblica presso il tribunale di Novere, è tormentato da strani incubi. In uno di questi si ritrova a notificare a sé stesso un mandato di arresto. In altri viene incastrato dai suoi collaboratori, o addirittura intenta un processo senza avere autorizzazione a utilizzare le intercettazioni. Il suo vero incubo ha però un nome e un cognome: Pierfiliberto Berazzi-Perdicò, suo odiato ex compagno di scuola, ora sindaco e uomo invischiato nel malaffare. L’ossessione del giudice è vincere la sua battaglia contro il politico inattaccabile, una battaglia per la legalità ma anche personale…

Il maestro Andrea Camilleri, lo specialista del bestseller Carlo Lucarelli, l’ex magistrato Giancarlo De Cataldo. Insomma, tre autentici pesi massimi della letteratura italiana contemporanea, e in particolare tre maestri del poliziesco e del noir. Questo troviamo in Giudici, una raccolta in cui la figura del giudice viene analizzata da diversi punti di vista, con tre piani temporali e tre stili molto distanti. Il racconto di Camilleri è ambientato nell’Italia postunitaria, quella che da lì in poi viaggerà su binari separati e a velocità diverse, con un Sud dimenticato e abbandonato a sé stesso. Il giudice Surra non sa nulla dell’esistenza della mafia, non ha letto la relazione di don Pietro Ulloa che descrive il malcostume diffuso nell’isola, e vive in questa sua inconsapevolezza sembrando invece un uomo coraggioso, coi “cabasisi di ferro”. Il caso della Bambina ci proietta invece negli anni più oscuri della storia d’Italia, quelli del terrorismo di destra e sinistra, della lotta armata, della strategia della tensione. Sul finale l’indagine apparentemente inoffensiva del giudice istruttore pare intersecarsi con la strage di Bologna del 2 agosto 1980, ed emergono legami sinistri con i servizi deviati, quelle infinite zone grigie protagoniste di manovre antidemocratiche sempre rimaste ignote e imperscrutabili. De Cataldo prosegue invece sulla falsariga di Camilleri, aprendo uno squarcio sulla corruzione e sulla criminalità sempre più infiltrata fra i cosiddetti colletti bianchi, gli intoccabili che non pagano mai per le loro colpe. Nell’introduzione c’è un sinistro presagio firmato da Thelonius Lecinsky: i mafiosi di oggi si stanno attrezzando per rendere legali le loro fortune e costituire le nuove élite che guideranno l’Occidente. I magistrati hanno un potere immenso e hanno la responsabilità di decidere secondo giustizia, una responsabilità che pesa in maniera insopportabile. Malgrado ciò sono spesso oggetto di attacchi da parte della politica. In particolare in Italia, da Mani Pulite a oggi, i giudici sono stati più spesso denigrati che aiutati nella loro battaglia. Questa antologia contribuisce a ricreare un alone di rispetto e ammirazione attorno a questa figura.



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER