Gronland ultimo atto

Gronland ultimo atto

Fine del X secolo dopo Cristo. Alcuni vichinghi di origine norvegese ma provenienti dall’Islanda si imbarcano alla conquista della fredda Groenlandia. Si insediano nella parte meridionale e creano anche un piccolo villaggio a cinquecento chilometri, lungo la costa occidentale. Questo stesso gruppo, solo pochi anni dopo, decide di solcare l’oceano verso ovest e arriva così sul continente americano, prima sull’isola di Baffin, che viene subito ribattezzata Helluland, ossia la terra delle pietre piatte, poi nel Labrador, definito Markland, la terra delle foreste, e infine spingendosi sempre più all’interno, nel cosiddetto Vinland, la terra delle viti selvatiche. Nell’estate del 1417 il capitano Thorvall Bjornsson, con la sua enorme cocca nordica battezzata “Star”, decide di intraprendere quella pericolosa rotta verso la Groenlandia che è almeno da sette anni che non viene più battuta per la sua enorme pericolosità. Nessuno conosce più nulla sulla sorte di quel vecchio avamposto vichingo nato quasi quattrocento anni prima. Partendo da Reykjaavik, però, il capitano Bjornsson potrà fare luce sulla vicenda, nonostante il parere contrario di tutti, su tutti l’armatore Haukur. D’altra parte le sue imprese impossibili le conoscono tutte, come quando ha consegnato in condizioni al limite dell’impossibile, un carico di legno norvegese a Bergen…

L’appassionato di cultura scandinava Alessandro Aleotti non è il celebre omonimo cantante J-Ax bensì un ingegnere civile di Reggio Emilia con il pallino della scrittura. Questa è la sua prima pubblicazione, il suo romanzo di esordio anche se, ormai da tempo, conserva nel cassetto un altro romanzo storico intitolato Un nuovo re. Gronland ultimo atto è un romanzo storico molto particolare, sia per l’ambientazione ‒ l’algida Groenlandia ‒ sia per via del periodo storico, dato che ci troviamo nel tardo Medioevo, non proprio l’epoca d’oro dei vichinghi, che ottennero invece la loro massima egemonia sui mari attorno all’anno Mille. Un libro che trasuda grande cura nella ricostruzione storica così come un amore sconfinato per l’argomento e per l’epoca storica da parte dell’autore. Aleotti erudisce i lettori con note e spiegazioni sui patronimici scandinavi così come sui termini Skraeling ancora in uso presso le popolazioni Inuit. Arricchiscono il volume un glossario di termini tipicamente marinareschi e dedicati alla navigazione così come alcune mappe della Scandinavia e della rotta del capitano Thorvall, per meglio comprendere la sua mirabolante impresa.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER