Homer & Langley

Homer & Langley
New York, primi del Novecento. È bella la vita dei fratelli Collyer, che crescono in un elegante palazzo davanti a Central Park in una ricca famiglia borghese. Il padre medico e la madre cantante lirica viaggiano molto per il mondo e tornano con casse piene di oggetti strabilianti. Nulla sembra perduto nemmeno quando il fratello minore Homer diventa cieco a causa di una malattia degenerativa: è sufficientemente scaltro e sicuro di sé da potersela cavare sempre, inoltre può contare sul supporto del fratello e della devota servitù. Le cose precipitano allo scoppio della Prima Guerra Mondiale quando il fratello maggiore Langley è costretto a partire per combattere al fronte e i genitori muoiono a breve distanza. I fratelli rimangono così da soli nel grande palazzo, senza contare che la guerra ha lasciato in Langley delle cupezze e delle stranezze che si riveleranno col tempo letali…
Un’inquietante storia vera, ripresa e romanzata da uno dei migliori scrittori americani.
L’ossessiva passione per il collezionismo e l’accumulazione di oggetti è oggi considerata una vera e propria patologia chiamata disposofobia, ed è la malattia che colpisce Langley, il quale – con l’avvallo del fratello cieco – comincia a riempire la loro abitazione di oggetti, da quelli più minuti fino a pianoforti e – addirittura – un’automobile in soggiorno, finché la stessa casa si trasformerà col tempo in una bara. Homer e Langley moriranno letteralmente sepolti in casa e la fine di Homer risulterà oltremodo straziante perché con la morte del fratello sarà incapace di procurarsi acqua e cibo. Lo spettacolo che trovò la polizia quando fece irruzione nella casa fu raccapricciante, eppure l’andamento del libro è tutt’altro che tetro e claustrofobico. Doctorow si prende delle libertà narrative e riesce brillantemente nell’intento di ammantare i due protagonisti di una luce iconoclasta e anticonformista, tanto da rendere questi due bizzarri fratelli indimenticabili non solo come protagonisti della cronaca ma anche come personaggi letterari.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER