Hong Kiltong - Il brigante confuciano

Hong Kiltong - Il brigante confuciano
Autore: 
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 
Kiltong è figlio di un alto funzionario e di una servitrice: il padre apprezza le sue qualità, ma severe regole sociali gli impediscono di trattarlo come un figlio legittimo. Perseguitato da una concubina gelosa di sua madre, Kiltong fugge di casa e dopo qualche tempo entra a far parte di una banda di briganti. Divenuto il capo indiscusso dei briganti, che ribattezza con non poca ironia ma slancio sincero Società per il riscatto dei poveri, il ragazzo inizia a combattere la nomenclatura corrotta e i privilegi...
Scritto probabilmente nei primi anni del XVII secolo, il più antico romanzo storico coreano è generalmente attribuito a Ho Kyun, un funzionario addetto al ricevimento delle delegazioni diplomatiche cinesi che nel 1612 ascese alla carica di Ministro della Giustizia per un breve periodo, per poi cadere in disgrazia e finire decapitato dall'Imperatore Kwanghaegun: un servitore dello Stato dalla vita piena di lutti familiari e di amore per le lettere che voleva denunciare il problema della discriminazione ai danni dei figli di concubine, una grave emergenza sociale del suo tempo. Quella del brigante confuciano Kiltong è una favola avventurosa e romantica: il protagonista è un Robin Hood con gli occhi a mandorla innamorato di un'utopia di giustizia sociale che colpisce per la sua modernità. Onore al merito dunque all'editrice ObarraO che presenta al pubblico italiano uno dei testi-cardine della letteratura classica coreana.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER