Il bivio

Il bivio
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Adam le dice che non crede nel fato mentre beve un sorso della sua birra. Josie replica che lo stesso vale per lei. C’è stato un tempo, però, nel quale ci hanno creduto entrambi. C’è stato un tempo nel quale hanno preso le sovrapposizioni del loro orario come un segno. C’è stato un tempo nel quale si sono meravigliati di come le loro mani stessero perfettamente l’una nell’altra. C’è stato un tempo nel quale si sono proclamati vicendevolmente anime gemelle. Dopo la morte del padre e il crollo nervoso della madre ha voluto così disperatamente credere in qualcosa, in un grande disegno, da essersi aggrappata al cognato come alla prova che il disegno non fosse affatto crudele e casuale come appariva. Ovviamente si è trattato di un errore. Le cose non vanno bene. La dimostrazione è che sta bevendo nel mezzo della giornata. A circa mezz’ora di distanza da quando la sorella le ha tirato addosso una teglia di lasagne. Adam sobbalza alla rivelazione. Le chiede come mai. Lei gli risponde che si tratta di cose fra sorelle. E aggiunge che gli dispiace. Davvero, sottolinea. Josie, per evitarne gli occhi, guarda nel bicchiere…

Il bivio è la storia di Josie, che ha cercato in tutti i modi di tagliare i ponti con il suo passato, in particolare con la famiglia d’origine. Lanie, la sorella gemella, l’ha tradita nel peggiore dei modi possibili. La madre è praticamente impazzita di dolore. Il padre, non volendo, è stato la causa di questa follia. Perché è morto. ammazzato. Josie però ora è tranquilla. Ha una vita a New York, a miglia e miglia dall’Illinois, e ha un compagno. Che però non conosce la verità in merito al suo passato. E siccome la distanza non basta a separarci da quello che siamo stati se non si chiudono definitivamente i conti, se non è stata detta sul serio l’ultima parola, adesso Josie deve affrontare la riapertura delle indagini, voluta da una giornalista che realizza seguiti podcast sui cosiddetti cold case, sulla morte del padre. Forse c’è un assassino a piede libero, e un innocente che ha pagato per errore. Certi, invece, sono i numerosi segreti che si nascondono dietro un’apparenza tranquilla. Il romanzo, classico sotto ogni aspetto (la trama, l’intreccio, la stesura, le descrizioni, il lessico, la caratterizzazione, psicologica e non, dei personaggi e quella degli ambienti), non è però banale o grossolano, e funziona come un godibile film di genere, come un meccanismo ben oliato, senza sbavature: considerando che si tratta di un esordio, e che quindi non può non essere figlio anche delle letture e delle passioni della sua autrice, nativa del suddetto Illinois e a lungo occupatasi di diritto fallimentare, sa rielaborare con brillantezza e guizzante inventiva i riferimenti da cui parte, apparendo come l’espressione di una voce comunque originale.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER