Il caso Jane Eyre

Il caso Jane Eyre
1985, Inghilterra. Thursday Next è una agente della Divisione Operazioni Speciali della Polizia - divisa in 30 reparti, dal più banale (Liti condominiali, OPS-30) ai segretissimi primi livelli, che si occupano di cose come i viaggi nel tempo, i licantropi e i vampiri o il terrorismo – e più precisamente della OPS-27, il reparto Detective Letterari. Un lavoro tranquillo ma non troppo, perché nel mondo di Thursday la gente mostra un interesse enorme per la Letteratura: ci sono persino dei distributori di frasi shakespeariane per le strade e una setta di baconiani che manda gente a domicilio per diffondere la teoria secondo la quale è stato Francis Bacon anziché William Shakespeare l'autore delle famose commedie e tragedie (si viaggia anche in dirigibile invece che in aereo, ma questo è un altro discorso). Ex soldatessa della guerra in Crimea (che va avanti da più di un secolo contro lo Zar di Russia), Thursday ha scarsa fortuna con gli uomini (un suo ex ha perso una gamba nella suddetta guerra, un altro è a quanto pare disperso nel flusso del tempo) e vive da sola con un dodo clonato. Quando le viene affidato il caso del misterioso furto di un manoscritto di Charles Dickens dalla casa-museo di Gad's Hill la detective letteraria si trova ad affrontare l'ombra minacciosa di un criminale dai poteri sovrumani, Acheron Hades. Promossa ad hoc all'OPS-5, Thursday inizia a dare la caccia al letale individuo...
Il romanzo d'esordio di Jasper Fforde, cameraman cinematografico e stuntman britannico, è una detective-story ucronica colorata e ricchissima di idee: come se non bastasse l'Inghilterra alternativa che fa da sfondo alle avventure di Thursday Next (a proposito: la sua sarà una saga non breve, c'è da giurarci), un po' steampunk un po' vaudeville genetico, ci si mettono anche supercriminali, paradossi temporali, personaggi letterari che 'evadono' dalle pagine per interagire con l'esistenza della nostra eroina. Non fosse sommamente divertente e sorprendente, ci sarebbe da farsi venire l'emicrania.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER