Il diario di velluto cremisi

Il diario di velluto cremisi
Come siamo arrivati a questo punto? È la domanda chiave che sigilla la fine di un matrimonio. E come da copione, anche quello tra Emily e Joel finisce con lo stesso retorico interrogativo. Mentre firmava i documenti per il divorzio, Annabelle, la sua migliore amica, la intratteneva sui suoi studi relativi alla longevità del matrimonio: mai sposare un Joel. La certezza del “per tutta la vita” sarebbe stata con un Edward o con un Bill, ma mai con un Joel. Le statistiche parlavano chiaro. Nonostante le ammonizioni di Annabelle, il suo matrimonio era morto e Emily non aveva ancora versato nemmeno una lacrima. Non aveva scritto un pensiero. Non aveva pienamente realizzato. Ma di una cosa era certa: non avrebbe scritto un romanzo sulla sua naufragata storia d’amore, né una riga su Joel. Piuttosto, si domandava se nella banalità della sua vita ci fosse stato, nel passato, davvero qualcosa di emozionante, qualcosa che valesse davvero la pena di raccontare. Bainbridge Island e la sua prozia Bee, ecco cosa le serviva per ricominciare! Avrebbe trovato sull’isola la pace di cui aveva profondamente bisogno? Intanto era lì, e Bee pareva davvero volersi prendere cura di lei. La tranquillità dell’isola e i ricordi d’infanzia la stavano rendendo vulnerabile ad una nuova storia d’amore. Ma il ritrovamento di uno strano diario di velluto cremisi la trascinerà, quasi forzatamente, verso un’avventura che renderà la permanenza sull’isola intrigante quanto dolorosa…
Emily è una scrittrice. Esther una donna con l’urgenza di scrivere della propria vita. Le loro vite si intrecciano: quel diario sembra scritto per lei. Aspetta lei affinché si chiuda il cerchio. Il racconto si arricchisce ad ogni pagina di un nuovo incontro, di un nuovo mistero: cosa nasconde Henry il vicino di casa? E Jack, l’uomo del mistero, sarà quello che sembra? “Avevo la sensazione che tutte le persone sull’isola custodissero un segreto. E che nessuno avesse intenzione di condividerlo con me”: ogni situazione, qualunque discorso nasconde, agli occhi di Emily, un inconfessabile passato. Il romanzo si districa, come in una caccia al tesoro, verso la soluzione di un enigma che non coinvolge solo la nostra eroina. La storia di Emily si intreccia, quasi fino a fondersi, con la narrazione del diario, in una sapiente alternanza che crea suspense e colpi di scena. Tutti i personaggi sono legati a doppio filo con i protagonisti del racconto narrato nel diario e il romanzo cattura e coinvolge doppiamente: le due “storie”, le due protagoniste, i due amori, ieri e oggi vivono in ogni pagina del racconto. Fino alla fine. Quasi a catapultare il lettore in un romanzo ottocentesco fatto di passioni, di intrighi e di ambiguità. I personaggi vivono nella narrazione fine e attenta che delinea delicatamente, ma decisamente, i tratti significativi di ciascuno, quasi a renderli reali. Da leggere in un soffio che, leggero, resta a far battere il cuore.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER