Il fuoco

Il fuoco
Il gelido inverno moscovita riabbraccia Alexander Solarin. Un torneo di scacchi lo riporta in patria dopo anni di lontananza, ma stavolta a cimentarsi è la figlioletta Alexandra, che lui tiene per mano: è lei la nuova promessa della famiglia. All’improvviso mentre i due attraversano la strada, appare una misteriosa donna, che prima di sparire consegna alla piccola un biglietto: sopra c’è disegnato un uccello di fuoco e un sinistro avvertimento recita: “Attenti al fuoco”. Immagini di un lontano passato riaffiorano nella memoria di Solarin: quella donna è forse sua madre? Impossibile, è morta, eppure il sospetto diventa un tarlo, rivederla un’urgenza, il torneo passa in secondo piano, finché all’interno del monastero in cui la gara si disputa riappare un pezzo degli scacchi di Montglane, la Regina nera è qui. Qualcuno sta raccogliendo i pezzi dell’antica scacchiera costruita a Baghdad. La donna riappare quasi fosse un miraggio nel deserto bianco, Alexander sta per raggiungerla ma accade l’irreparabile, uno sparo squarcia l’aria, il manto di neve si chiazza di rosso. Un cecchino ha sparato a Solarin, la piccola Alexandra assiste impotente alla sua morte, ammutolisce di fronte all’orrore e rinuncia a giocare la sua partita. Da quel momento gli scacchi sono banditi dalla sua vita. Anni dopo, Alexandra vive a Washington, è una giovane donna e ha un pessimo rapporto con sua madre, per questo si stupisce dell’invito alla sua festa di compleanno. Raggiunge la casa materna arroccata fra le montagne del Colorado, il rifugio in cui Cat conduce una vita isolata, il fuoco è acceso nel camino ma sua madre è sparita, lasciandole una serie di misteriosi indizi. Da qui riprende l’enigma...
La grande partita per la salvezza dell’umanità è riaperta. Se gli scacchi sono esempio altissimo di strategia, la Neville si dimostra abilissima stratega. Autrice di bestseller venduti in tutto il mondo, ha atteso vent’anni per dare un seguito a Il segreto del millennio, seguendo i consigli (direi a questo punto azzeccati) dei suoi agenti letterari: sono loro che nel 2006 la convincono a lavorare al sequel. Il Fuoco brucia, è rivelatore, in questo caso ha alimentato l’instancabile ricerca della scrittrice, la cui opera è frutto dell’incontro con matematici, studiosi di iconologia, mitologia, astrologia ed esoterismo, senza dimenticare gli scacchisti. Così la Neville ravviva il fuoco nascosto sotto la cenere, e tesse una nuova ragnatela di intrighi, tradimenti e codici da decifrare. Chi è la misteriosa Regina nera? Chi tira le fila del gioco iniziato da Carlo Magno? In campo tornano Bianchi contro Neri. Un thriller che sfugge allo schema classico, con atmosfere da spy-story e contorni tutt’altro che definiti, un gioco di ombre cinesi in cui nulla è come appare, che tiene incollati fino all’ultima pagina, una lettura per chi rifugge le storie troppo scontate. 

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER