Il giorno della locusta

Il giorno della locusta
La casa in cui vive Tod Hackett è in un posto chiamato San Bernardino Arms, tirato su dal niente, senza nessun criterio estetico. La sua camera è al terzo piano di un edificio alto tre piani, col retro e i lati di stucco grezzo non verniciato. La facciata è color senape e le finestre sono bifore incorniciate da colonne moresche rosa che sostengono architravi che sembrano delle rape. Quando Tod si sveglia sono già passate le otto. È davanti allo specchio e, mentre si sistema il colletto e la cravatta, guarda la fotografia che ha davanti, infilata nell'angolo alto della cornice. L'immagine è quella di una bella donna in posa che indossa un costume da harem, ampi pantaloni alla turca, corpetto e giacca corta. Tod si accende una sigaretta e inala una boccata nervosa. Ricomincia a tormentarsi la cravatta, ma è costretto a fissare ancora lo sguardo sulla fotografia. Per lui quella donna, Faye Greener, è una sorta di sfida, una lotta dura e feroce da combattere. "Con affetto, la tua Faye Greener" c'è scritto a penna dietro la foto. Leggendo quella scrittura aggraziata Tod pensa che gettarsi su di lei è come buttarsi dal parapetto di un grattacielo...
Ambientato a Hollywood durante la Grande Depressione, Il giorno della locusta è un romanzo sull'alienazione e la disperazione di gente che negli anni '30 vive ai margini della "fabbrica dei sogni" del cinema. Viene spesso descritto come il miglior romanzo mai scritto su Hollywood, un classico di culto che arriva al cuore di una società. C'è tanta satira in questo capolavoro dimenticato, un esemplare e magistrale romanzo sulla solitudine. C'è, soprattutto, qualcosa di profondamente umano: i personaggi sono un guazzabuglio di perdenti, alienati, caricature grottesche incapaci di vedere oltre i propri limiti. Hollywood è in un certo modo la metafora degli Usa degli anni '30 ed è, simbolicamente, il punto più lontano della frontiera americana, il focolaio di nuove speranze per la realizzazione del grande sogno americano. Scriveva Elio Vittorini che Nathanael West identificava l'America con Los Angeles e "il comportamento quotidiano dell'uomo medio col comportamento frenetico d'una folla di attori mancati o di gente, comunque, che ha voluto assicurarsi la felicità stabilendosi in California". Eccellente l'edizione di Mattioli 1885, prima uscita nella nuova collana ORIGINALS che ripropone grandi successi editoriali del passato con una cura tutta particolare per la grafica originale. Sempre impeccabile la traduzione di Nicola Manupelli.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER