Il libro dei gatti

Il libro dei gatti
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 

I gatti sono animali speciali, ognuno è un caso a sé ed è impossibile generalizzare a riguardo. Mia è una gattina nera salvata dal gelo di un davanzale, è distinta, affettuosa su richiesta, indipendente, ma l’arrivo della vivace Sophie mette in crisi il suo dominio ed è causa di un grave incidente domestico. Mia partorisce un gattino, Innocente, che a causa della sua indole vagabonda finisce schiacciato da un’auto. Sophie diventa la madre dell’intrepido Fiordaliso, focoso seduttore, e della giocherellona Piccola, sfuggente e autonoma. Il ménage familiare felino prosegue senza troppi scossoni fino all’arrivo del cane Bolivar. La diffidenza iniziale s’infrange contro la docilità del cane, che si sottomette ai mici residenti e insieme a loro difende il territorio. Purtroppo la zona non è l’ideale per i piccoli felini, che vengono avvelenati o fucilati da chi non li sopporta. Nel 1967 fa la sua comparsa la gattina Belle-Minette, uno scheletrino selvatico che non si adatta alla presenza umana e alla vita domestica e fugge alla prima occasione, per poi lasciarsi catturare durante l’inverno, ormai madre di un bel gattino nero che viene chiamato Visoncino. Tutte le esperienze vissute con gatti tanto diversi, danno l’idea di quanto questi animali siano differenti da soggetto a soggetto, al punto che è quasi impossibile stabilire rigide linee guida in merito alla loro indole…

La prima edizione di questo saggio si ebbe in Francia per l’editore Stock nel 1970 e contava circa 180 pagine. Le edizioni successive ebbero delle integrazioni, la più completa e aggiornata è quella attuale, che include anche numerose fotografie e illustrazioni in bianco e nero, dando vita a un volume di oltre 280 pagine. Dopo una parte introduttiva in cui l’autrice rievoca la sua vita con i gatti, il libro cambia registro. Viene affrontata la questione del carattere del gatto in base alla genetica, al sesso, alla razza, si analizza il significato delle fusa e quello dei movimenti della coda e in collaborazione col blog www.miciogatto.it vengono date alcune indicazioni sulla interazione con il proprietario. Partendo dal ricordo dell’adorazione in Egitto si passa alla persecuzione medievale che vedeva nel gatto una manifestazione diabolica. Eppure i gatti sono da sempre compagni fedeli di celebri scrittori e artisti, qui vengono ricordati con citazioni e aneddoti. Vi è poi una carrellata di mici resi celebri dai cartoni animati, a cominciare dallo Stregatto della Disney, passando per Felix e Garfield, Tom l’acerrimo nemico di Jerry, Luna la gattina nera di Sailormoon. Famosi inoltre i gatti di internet: Grumpy cat, Pusheen e Simon’s cat. Segue un elenco delle razze, con cenni storici, caratteristiche, prezzi, indole, standard di classificazione. Nel complesso un libro carino e spiritoso, per una lettura leggera che soddisfa qualche curiosità. Jehanne Jean-Charles è nota in Francia per la produzione letteraria tendente allo humor, i libri di genere fantastico e i racconti horror, oltre che per la sua passione per i gatti, di cui ha adottato negli anni tanti esemplari. Tra le opere che l’hanno fatta conoscere in Italia si trovano La fiera delle castronerie e Venti castronerie dopo, libretti divertenti su strampalati errori e bizzarrie del linguaggio francese.



0
 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER