Il lungo sguardo

Il lungo sguardo
1950. Mr e Mrs Fleming festeggiano il fidanzamento del figlio Julian con June Stoker. La figlia Deirdre, intanto, pensa bene di celebrare l’evento rimanendo incinta di un precario fidanzato. Non che, tra l’altro, sappiano molto né di questo tipo né di June: tra genitori e figli solo generici convenevoli o dialoghi sconclusionati. Ad Antonia Fleming basterebbe sapere se Conrad, al matrimonio, verrà o meno. Pazzesco, dopo tanti anni di matrimonio, non avere idea di dove vada o cosa faccia il marito, vero? Uno che, se da un lato ha rinunciato “a inseguire qualunque modello di paternità”, dall’altro ha anche dismesso qualsiasi dialogo con la moglie. In un percorso a ritroso, tra tradimenti reciproci, delusioni, fallimenti, tutto il matrimonio viene ripercorso nel suo complesso e ambiguo maturare. Spariscono i figli ed è Antonia, ora, a essere figlia, di una madre troppo bella e mondana per prendersi cura di lei e di un padre troppo intelligente e sottile per spendersi in futili sentimenti…
Ci sono molti momenti topici, nel romanzo. All’inizio è l’immobilità di Antonia a irritare, quella sua apparente incapacità di reagire al marito fedifrago. Del resto, nella Londra perbene di metà Novecento non si può sbattere il coniuge fuori di casa con facilità, soprattutto se è lui a produrre reddito. Conrad, dal canto suo, colpisce non tanto per il “banale” fatto del tradimento quanto per la sua sistematica azione di annientamento della volontà delle donne che lo amano: se mi ami, fai quello che voglio io. Per non parlare poi del rapporto tra la madre e il padre di Antonia, in un castello di menzogne cinicamente accettate. Il quadro umano che ne esce è pessimo: tutti tradiscono, l’amore non esiste. Si sopravvive ricavandosi le proprie nicchie di piacere a dispetto degli altri. Da un matrimonio zeppo di bugie nascono figli che avranno matrimoni zeppi di bugie. Da una generazione all’altra, nessuna ipotesi di riscatto o redenzione. Un’amarezza senza fine, descritta con una fermezza senza eguali.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER