Il male non dimentica

Il male non dimentica

Libia, 31 agosto 1969. Italia Balistreri, madre di Mike, si getta da una scogliera mentre quella stessa notte il giovane Gheddafi prende il potere con un colpo di stato, supportato segretamente anche da Salvo Balistreri, padre di Mike. È quello il giorno terribile che cambierà gli equilibri politici di uno Stato, le sorti degli italiani residenti in Libia, di Mike, che non accetta e non crede al suicidio della madre. Il suo mondo viene travolto dalle bugie, dai complotti politici orditi e sventati. La fuga verso la Sicilia a bordo di un motoscafo diventa inevitabile, dopo il tradimento del suo migliore amico e della sua ragazza. Quarant’anni più tardi, nel 2011, lo ritroviamo a Roma, a capo della Squadra Omicidi ma prigioniero di sé stesso e dei suoi stessi ricordi. La sua vita ora è un continuo tentativo di affogare i cattivi pensieri dentro al fumo di troppe sigarette, sul fondo di intere bottiglie di whisky bevute, mentre nel suo officio la musica di Leonard Cohen aleggia nell’aria. L’omicidio di una giovane donna e della sua bambina, la falange mozzata alla piccola, sono una trappola e un avvertimento che lo costringeranno a riaprire l’armadio degli scheletri, mentre la primavera araba sovverte nuovamente l’ordine politico che quarant’anni prima aveva cambiato la vita della famiglia Balistreri...

Ultimo capitolo della cosiddetta Trilogia del Male dopo Tu sei il male e Alle radici del male, questo terzo volume chiude definitivamente i conti in sospeso di Michele Balistreri col suo passato. Considerato, a ragione, tra le migliori uscite dell’anno, il libro ci riporta nuovamente al vissuto torbido e violento di un uomo che non è mai riuscito a dimenticare e soprattutto a perdonare a sé stesso gli errori commessi. Così come la verità è sempre composta da due lati, proprio come una medaglia, anche la coscienza di Michele (o Mike, o Michelino) Balistreri, che fino ad ora aveva sempre scelto di guardare il lato migliore, ora sarà costretta a voltarsi indietro, per ritornare a quel maledetto 31 agosto 1969, e al lato più oscuro della sua famiglia.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER