Il matrimonio di Chani Kaufman

Il matrimonio di Chani Kaufman
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Londra, novembre 2008. Chani è pronta. Respira. Sta per sposare Baruch. Nella stanza accanto a lei sente gli uomini intonare il “lai-lai-lai” che si diffonde in tutta la sinagoga. Non sa se ama Baruch. L’ha visto quattro volte. Si sono parlati. È un bravo ragazzo, pronto a diventare rabbino. Tutta la vita di Baruch ruota attorno all’aspettativa di trasferirsi a Gerusalemme per terminare gli studi e diventare rabbino. Lei è pronta a seguirlo? Ha poco più di diciotto anni e Baruch è stato il primo ragazzo che le si è proposto. La sua è una ottima famiglia, molto più ricca e piena di prestigio nella comunità ebraica di quella di Chani. L’offerta è stata davvero troppo invitante perché la famiglia di Chani avesse potuto rifiutarla. Eppure: c’è qualcosa che non convince Chani. È troppo giovane e le tradizioni della comunità di ebrei ultraortodossi di cui fa parte le stanno strettissime. Ha rifiutato di frequentare le scuole ebraiche e ha scelto quelle londinesi (e questa è un’onta per la comunità ebraica) per non avere paraocchi e per poter conoscere quante più realtà diverse fosse stato possibile. Baruch, al contrario, è sempre stato ubbidiente e ligio alla religione. Sono realmente pronti a sposarsi? Sono pronti a trascorrere assieme la loro vita? Sia la mamma di Chani, sia Rivka, la Rebbetzin (la moglie del rabbino) non sanno cosa consigliare alla ragazza. Anzi. Le sembrano due donne molto più tormentate di quello che vogliano apparire. Non resta che sposarsi. Lanciarsi in questa avventura…

Ne Il matrimonio di Chani Kaufman, Eve Harris, scrittrice inglese classe 1973, racconta un mondo che non conosciamo, distante anni luce dalla nostra vita quotidiana: quello della società ebraica ultraortodossa, con i propri riti, le proprie consuetudini, i tabù da non infrangere. Ma con la carica, quella dei più giovani, di affrancarsi dalle regole che vincolano in maniera ineluttabile il proprio destino. C’è chi passivamente le accetta, chi le sopporta per amore, chi ha fatto tante esperienze in giro per il mondo e poi ha trovato la stabilità proprio all’interno di questo microcosmo così articolato e complesso. E c’è chi decide che è il momento di andare via, di lasciarsi alle spalle una vita che non appartiene più propri sogni e alle proprie necessità, che sceglie da che parte stare finalmente: dalla parte dei desideri, che – come scriveva Baricco in un celebre passo di Oceano mare – sono l’unica cosa che ci salva realmente. Il matrimonio di Chani Kaufman è un romanzo straordinario, che ci fa restare incollati pagina dopo pagina, in cui le vite di Chani e Baruch incrociano quelle di molti altri personaggi che il lettore amerà, che sentirà – ad un certo punto – come membri della propria famiglia e della propria vita. Ci si affeziona alla Londra di Chani e Baruch, ci si affeziona alla comunità ebraica. E, quando la storia finisce, si vorrebbe che Chani e Baruch, Rivka e tutti gli altri membri della comunità fossero nostri amici, per continuare a sapere come vada la loro vita: non è questo uno dei risultati a cui qualunque narratore vorrebbe aspirare?

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER