Il mio primo Sony

Il mio primo Sony
Israele, anni '80. Yotam ha 10 anni, è sovrappeso e ha qualche problema di crescita fisica e psichica. Il suo unico, grande conforto è un walkman Sony regalatogli dal padre, con il quale il bambino registra il mondo attorno a sé, per poi riascoltarlo e 'digerirlo' con calma. E con la famiglia che si ritrova, di cose da registrare ce ne sono: la madre è un'architetta di origini argentine appassionata e progressista ma incapace di fare a meno del marito, un sedicente scrittore dal sorriso irresistibile che passa il tempo a correre dietro a tutte le donne che gli si parano innanzi e a dormire davanti alla tastiera del computer, in cerca di ispirazione. La donna in realtà è vedova, ed è fuggita dalla dittatura militare argentina dopo la tragica scomparsa del marito, che mandava avanti un teatro di marionette nel barrio San Telmo. Ci sono poi la sorellina piccola di Yotam, Naamà, e il fratello più grande, Shaul, pieno di rabbia nei confronti del padre, e una varietà di parenti un po' bislacchi, compresa una nonna morta con le formiche che le entrano nella bocca...
Secondo il manuale del piccolo recensore a questo punto mi correrebbe l'obbligo di sottolineare come attraverso la descrizione di un quadro familiare Barbash in realtà racconti la storia moderna di Israele con le sue contraddizioni e la sua complessità, che non guastano mai. In realtà lo sguardo dello scrittore-sceneggiatore israeliano (numerosi suoi lavori sono nati o sono transitati per il grande schermo, e lo stesso Il mio primo Sony è diventato una serie tv di grande successo) pare più interessato all'infinitamente piccolo che alle grandi questioni, più attento alle dinamiche interiori di Yotam e della sua famiglia, alle relazioni e alle dipendenze tra esseri umani che non all'evoluzione del quadro politico e sociale mediorientale, che pure si guadagna più di un accenno lungo il romanzo. Umane debolezze, ironia, sentimenti in un affresco al tempo stesso grottesco e tenero che gronda umorismo ebraico da tutte le parti.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER