Il mondo di Atene

Il mondo di Atene

Nel corso del secoli le vie della storia e del mito si sono intrecciate in maniera talmente stretta da alimentare nell’immaginario collettivo l’idea che Atene abbia rappresentato per lungo tempo il più evidente emblema di città levatrice della cultura occidentale e di modello universale a cui ispirarsi nella definizione di un sistema realmente democratico. Tuttavia, basta interpretare in maniera più corretta il celebre epitaffio di Pericle riportato da Tucidide e analizzare altre testimonianze coeve, per dimostrare che intorno alla storia di Atene del V secolo è sorta una vera e propria idealizzazione dell’ordinamento politico greco. Che la tradizione trascura da sempre di considerare che l’antica democrazia ateniese era fondata sulla egemonia esercitata sulle città situate nell’Attica, su di un patto tra le oligarchie economiche e il popolo. Sgombrando il campo da luoghi comuni e guardando alle non poche reticenze, risulta evidente che il sistema politico e sociale era retto da un blocco elitario capace di governare sotto la pressione non certo piacevole della massa popolare. È questo l’aspetto meno indagato e pur tuttavia specifico dell’esperimento ateniese dell’epoca…

Questo ricco e attentissimo saggio che Luciano Canfora – tra i più autorevoli studiosi contemporanei di filologia greca e latina e autore di innumerevoli testi con cui ha indagato a fondo l’età classica – dedica alla civiltà ateniese, come già i precedenti è uno di quei saggi che meritano davvero di uscire dal recinto angusto dei suoi ambiti disciplinari. Con un discorso intenso e suggestivo, sia pure infarcito di citazioni estrapolate dalle fonti dirette, l’autore libera il volto della civiltà ateniese da ogni possibile incrostazione storica e gli restituisce aspetto e fascino, in virtù del rimando alla condizione attuale in cui vive oggi il popolo greco. Una sintonia in cui si riflettono la passione di un ricercatore che sa come coniugare l’istanza divulgativa al rigore scientifico, ma anche il gusto della sfida che i problemi pongono alla sua attenta sensibilità critica. Se lo specialista del settore troverà interesse per il registro metodologico con cui l’analisi assume qualità e rilievo culturale, l’opzione di pathos e acume, con cui vengono presentate le caratteristiche della più antica forma di democrazia agganciano ogni lettore dalla prima all’ultima pagina, perché in esse sono contenute le speranze della rinascita di una buona politica.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER