Il nodo di Tyrone

Il nodo di Tyrone
Donna Costanza ha bisogno di un giardiniere: il parco della sua villa nobiliare richiede cure che né l’ottuagenaria né il marito sono in grado di dedicargli. Il nuovo assunto è curato, metodico, silenzioso e oltremodo riservato. C’è qualcosa di misterioso in lui, niente pelle bruciata dal sole, niente mani nodose. A Costanza piace. Sarà perché ama i libri o perché fa ascoltare la musica classica alle piante della serra: crescono meglio, se si sentono amate. Ed è l’amore per quel parco a portarlo a scoprire un giardino segreto: cosa si cela al suo interno? Cos’era che gli aviti proprietari della villa volevano occultare ma in qualche modo anche cristallizzare, rendere perenne? Qual è il collegamento tra quel giardino segreto e il diario di una prozia, rinvenuto da Adelaide, figlia dell’anziana nobildonna? Il segreto della famiglia si infittisce come la coltre di rovi che copre l’accesso al giardino, fino allo svelamento finale, intrecciato a un dramma che rivela un nuovo segreto…
Le storie di famiglia devono piacere, sono un po’ un genere a parte. Generazioni a confronto, cassetti segreti, memorie sbiadite, mucchi di polvere e lucchetti arrugginiti. Le trine delle nonne non a tutti fanno tremare il sangue nelle vene. Però c’è modo di raccontarle, di affascinare il lettore, di agganciarlo al sempre verde tema della ricerca della verità. Qui il merito è tutto dello stile, essenziale, tambureggiante, descrittivo quanto basta, suggestivo e mai lezioso. Anche quando si apre l’immancabile parentesi rosa, il tema è trattato con misura, con decoro. Come ci immaginiamo che sia l’educazione di un nobile. Questo è davvero notevole, l’armonia perfetta tra i personaggi, l’intreccio della storia e l’ambiente naturale, che è quasi il contrappunto del mondo umano. Forse la trama (seppur con qualche colpo di scena) non è da brividi, eppure la lettura rapisce: a chi non piace pensare che nella propria vita esista il marchio di un fatto straordinario? La normalità, diciamocelo, non piace poi troppo.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER