Il popolo degli abissi

Il popolo degli abissi
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Nell'estate del 1902, il giornalista americano Jack London si infiltrò come un esploratore nella periferia più degradata di Londra, l'East End, per sperimentare in prima persona i problemi e le privazioni di chi vive nel ventre di una metropoli moderna. Travestito con panni sudici e laceri e senza un soldo in tasca, London si fece povero tra i poveri, affamato tra gli affamati, per condividere le disgrazie dei diseredati di Londra anche se per un periodo limitato di tempo. Il popolo degli abissi è il racconto di questa esperienza, corredato di statistiche e dati economici. Povertà lancinante, degrado, fame, malattie, mortalità infantile a livelli altissimi, sporcizia, fogne a cielo aperto, sfruttamento, prostituzione, alcolismo, violenza: lo spettacolo che si offrì agli occhi di London e si offre a quelli dei lettori è da inferno dantesco, e fa ben comprendere l'orrore dei 'danni collaterali' della società capitalistica...

In una fase storica nella quale l'Impero britannico era ai suoi massimi livelli di potenza e eserciti di missionari venivano spediti oltreoceano a 'salvare' le povere anime degli abitanti delle colonie, l'impatto di questo reportage fu devastante e donò a London imperitura fama. Inchiesta attualissima (se alcuni passi del libro venissero pubblicati oggi e spacciati per servizi appena scritti nessuno si accorgerebbe di nulla), esempio fulgido di giornalismo investigativo, il lavoro di London non solo ci mostra la faccia nascosta dell'imperialismo britannico, ma porta con sé un messaggio forte e chiaro oggi come lo era nel 1902. E' cambiata poi così tanto la situazione? La risposta è no. Ciò che è cambiato è che i giornalisti si guardano bene dal frequentare i quartieri poveri, preoccupati unicamente di informare e compiacere un pubblico di borghesi medio-alti. Alle masse è concesso solo l'accesso al gossip, alla spazzatura, alle veline di regime. Dove è finita la stampa popolare di inchiesta? Che fine ha fatto il coraggio? Rileggere Jack London potrà forse aiutarci a ritrovare la strada perduta.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER