Il ritorno

Il ritorno
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 

Scozia, 1745. “Era chiamata Broch Tuarach come l’antico cilindro di pietra costruito alcune centinaia di anni prima, che svettava sul fianco della collina dietro il maniero. La gente del luogo chiamava la proprietà Lallybroch”. Claire e Jamie, dopo Parigi, Versailles e Fontainebleau, ritornano nella fattoria delle Highlands. Ritrovati Jenny e Ian, la sorella e il cognato, tutti i nipoti e i fittavoli, inaugurano un nuovo ritorno: portano a termine il raccolto e si preparano per l’inverno in arrivo, più attenti agli interessi necessari alla sussistenza della proprietà, soggetti alle preoccupazioni più indirette della guerra. Sullo sfondo di una Lallybroch operosa, ha luogo il primo raccolto di patate mai piantato: radici commestibili per offrire un raccolto più abbondante del frumento. Investire più terra in raccolti che si possano conservare è provare a salvare le persone amate non potendo più fermare l’avanzata di Bonnie Prince Charles. Perché guerra e massacri, e carestie, non colpiscano casa...

Ci si addentra nei più seri fatti storici con questo terzo libro della saga di Outlander (in realtà trattasi del secondo, Dragonfly in Amber, ma ogni titolo della saga di Claire Randall dopo il primo è stato pubblicato in Italia proposto in due volumi) e così con Il ritorno si scorgono le già temute fiamme di ribellione: nelle quali si esprime la sorte degli uomini dei clan delle Highlands. La tremenda disfatta sul campo di Culloden nell’aprile del 1746, i presupposti che sorreggono lo scontro finale con il casato degli Hannover. Meno accettabile, e certo doloroso - piuttosto ardente e impetuoso - il momento del ritorno al futuro di Claire. Non approfondiamo questo evento perché, sebbene ovvio, lascia il lettore attonito. Rileviamo invece che Diana Gabaldon desideri indagare su Geillis Duncan, personaggio femminile di tenebroso fascino e, dunque, sull’antico cerchio di pietre. Ciò a cui occorre prestare attenzione è la possibilità del viaggio, e il più imprevisto esito degli studi di Roger, ma pure la comprensione finale di Bree: ecco allora più di una ragione viva indispensabile per proseguire la saga o, meglio, un potente appello che sa come esigere ancora la lettura del sapido passato di Red Jamie Fraser.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER