Il segreto dei Ségonzac

Il segreto dei Ségonzac
Venerdì tredici marzo 1758, regione della Marna, piove e grandina. L’uomo che procede a cavallo in mezzo al fango si chiama Philippe Ségonzac, ha ventitré anni ed è il figlio di uno dei più grandi maestri d’arme di Francia, Michel Ségonzac. Torna a casa dopo i festeggiamenti per l’alloro conseguito all’Ecole de Médicine. Mentre cavalca veloce, il giovane Ségonzac fantastica sulla sua imminente nuova vita. S’imbarcherà prima possibile su un galeone e sarà il medico di bordo, una vita avventurosa lo attende. Ha il mantello fradicio quando entra nella locanda, si avvicina all'oste e chiede tre cose: una stanza, un bagno caldo, una cena abbondante. Intanto pensa agli anni trascorsi da studente e a tutte le persone che ha amato e che l’hanno amato, il tempo scorre velocissimo e questi anni lontani da tutto e tutti sono ormai terminati. Confortato e scaldato dal bagno, Philippe scende a cenare. Altre persone sono a tavola: un abate spagnolo, dei gendarmi, due avventurieri, tutti serviti da due cameriere carine e dal figlio del locandiere mentre due pappagalli liberi che assomigliano a quelli dell’insegna vagano tra i tavoli. Non avesse inciampato nei due pappagalli e non avesse dovuto poi rallentare il passo, forse Philippe avrebbe sentito che uno dei due avventurieri si era lasciato sfuggire un: “Eccolo!”, e avrebbe capito che qui due erano lì per lui. Passa la notte, il riposo del giusto abbandona Philippe prima dell’alba, e il giovane si rimette in cammino. L’aria è ancora gonfia d’acqua, il cavallo sfreccia veloce, è proprio mentre attraversa un ponte che accade il tutto. Un colpo di pistola alla tempia lo disarciona. Philippe cade nel fiume e pensa, a ragion veduta, che è proprio la fine, ora è morto. I due avventurieri, ancora sopra il ponte, vedono il corpo galleggiare. E la risposta è sì: certo che dovrebbero controllare a valle che il ragazzo sia veramente morto stecchito, ma si sa che la gente colpita alla tempia non si alza e cammina, e quel Ségonzac è mortale come tutti, no? E poi non sbagliano mai un colpo, loro fanno gli assassini di mestiere, il tizio è morto, punto. Anche Philippe è d’accordo con i due sul fatto che siano i suoi ultimi minuti di vita, se non che gli viene da tossire e da sputar acqua. Sfiorato di striscio. E’ vivo, e deve solo tirarsi fuori da quel guaio. Cose che capitano, certo, pensa ancora dopo qualche mese dPhilippe Ségonzac, i ladri assassini mica sono una novità, attraversi uno di quei boschi a tuo rischio e pericolo, lo sanno tutti che lì ci sono più briganti che foglie d’albero! Gli è andata bene. Finché ecco, un nobile impallidisce davanti ai suoi occhi. Trema, e balbetta. Rivolto al giovane medico, si lascia sfuggire un “Chi siete voi?! Philippe Ségonzac? No, non è possibile.. Voi dovreste essere morto!”. Eccola la frase che apre tutti i cancelli della memoria e del sospetto. Perché non era un caso, ora grazie a quel ricco e viziato nobile ne è certo: qualcuno lo vuole morto. Chi lo detesta fino a commissionarne l’assassinio? E soprattutto perché?
Alberto Ongaro, classe 1925, giornalista, autore di fumetti (fu amico e collaboratore di Hugo Pratt), giramondo, inviato speciale de l’Europeo per il quale realizzò molti reportage, è tra quei grandi scrittori Italiani purtroppo quasi dimenticati da critica e grande pubblico e senza dubbio meno celebrato di quanto merita. Leggere Ongaro è addentrarsi in qualcosa di dimenticato e perduto, leggere Ongaro è entrare in storie complesse e coinvolgenti nelle quali la protagonista fondamentale e indiscussa è la trama, ma attenzione anche alle ricostruzioni storiche di Ongaro: accurate e veritiere. Lasciatevi trascinare da nobili nullafacenti e senza scrupoli, prostitute, contadini, locandieri, medici, briganti, assassini, personaggi circensi, da una donna dall’animo oscuro e terribile come la Nobildonna Fabienne, da artisti, oppure dalla corte dei banditi e dal loro regime totalitario, o da un insolito e inaspettato Giacomo Casanova. Qui troverete sostanza e non solo forma alla moda: cercate Ongaro nelle librerie, sulle bancarelle, in internet: riscoprirete il vero sapore del “romanzo di evasione” di una volta, la favola per tutte le età che nasconde una scrittura raffinata ed estremamente creativa.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER