Il suono della vita

Il suono della vita
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Johannes vive a Colonia assieme ai suoi genitori. Trascorre tutta la giornata nella loro abitazione con sua madre. Sono quasi simbiotici. Lei passa tutto il tempo a leggere e ad appuntare quello che accade. La mamma non parla, è sempre in silenzio. C’è stato un periodo in cui la donna parlava, ma poi deve essere successo qualcosa che l’ha traumatizzata così tanto che ha perso l’uso della parola. Johannes non sa cosa sia accaduto. Sa solo che ama sua madre. Ama il momento in cui suo padre rientra e legge tutto quello che la mamma gli ha scritto. C’è complicità tra loro e un amore profondo. Anche il piccolo Johannes ha difficoltà con il linguaggio ed è molto timido. Quando comincia a frequentare la scuola dell’obbligo i compagni e gli insegnanti sono dapprima comprensivi. Poi… poi cominciano ad emarginarlo. L’insegnante non ha il tempo per stare dietro un bambino che non apprende alla stessa velocità dei suoi compagni e i suoi coetanei lo scelgono come vittima di terribili scherzi. Lui non dice nulla. Continua ad andare a scuola fino a che riesce a sopportare tutto. Ma, alla fine, suo padre si accorge che c’è qualcosa che non va. Johannes viene immediatamente portato via da quella scuola e con suo padre si trasferisce per un periodo in montagna. Disegna gli alberi, gli animali, gli oggetti. Comincia lentamente ad associare i loro nomi. E soprattutto suona. Il papà scopre che Johannes ha un talento naturale per la musica e riesce a suonare il pianoforte con una naturalezza impressionante. La vita del piccolo sta per cambiare grazie alla musica…

Hanns-Josef Ortheil, classe 1951, è uno degli autori tedeschi più amati nel suo paese e molto poco conosciuto in Italia. Il suono della vita è un romanzo corposo (oltre cinquecento pagine) che si legge con una facilità e un piacere che solo pochi lavori riescono a regalarci. È la storia di un piccolo “bambino prodigio”: ha difficoltà con il linguaggio, è timidissimo e non riesce a farsi degli amici, ma ha il dono di quel che viene definito “orecchio assoluto”. La musica è la sua vita. Comincia a suonare il pianoforte, prende lezioni dai più grandi musicisti e tutte le difficoltà del linguaggio cominciano lentamente ad affievolirsi. Johannes si trasferisce a Roma, vive una vita piena, ama, sogna, supera ogni confine e ogni limite fisico. Scritto in maniera semplice e immediata, il romanzo parla al nostro cuore. La scrittore tedesco ci fa amare tutti i suoi personaggi che sentiamo di conoscere come fossero nostri amici. Il suono della vita è un romanzo appassionante e coinvolgente, di quelli che torni a casa con la voglia di riprenderli tra le mani per sapere come va a finire. Ortheil non ha paura di risultare troppo dolce e di essere considerato “smielato” per regalarci un bellissimo lieto fine. Abbiamo bisogno di romanzi così, di storie belle, intense e a tratti dolorose, che ci facciano pensare che, forse, qualcosa può anche finire bene, che non saremo infelici per sempre e che si può sperare in un futuro migliore. Hanns-Josef Ortheil ci regala tutto questo ed è un dono prezioso che dobbiamo tenerci stretto.



0
 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER