Ilium - La rivolta

Ilium - La rivolta
Thomas Hockenberry, per niente rassegnato a rimanere una semplice pedina dei giochi di potere di Afrodite, decide di cambiare le sorti della guerra di Ilio convincendo greci e troiani a coalizzarsi contro gli dei. Nel frattempo i due robot senzienti superstiti, Mahnmut e Orphu, cercano di portare il letale e misterioso Congegno nel cuore stesso dell'Olimpo, e si trovano a scoprire le tracce della perversa intelligenza che governa le sorti di Marte e degli Anelli orbitanti. Intanto Savi guida un gruppo di umani alla riscoperta del proprio passato e dei segreti dello strano mondo che una volta era la Terra in un viaggio che si rivelerà mortalmente pericoloso...
Secondo capitolo (ma attenzione, nella versione originale si tratta di un'unico romanzo e si vede, la cesura tra primo volume e secondo è assolutamente brutale, quindi avviso ai naviganti: iniziare a leggere la saga da qui è praticamente impossibile) delle vicende di Ilium. Una Terra quasi spopolata migliaia di anni nel futuro abitata solo da festaioli analfabeti serviti da strani esseri biomeccanici alieni, un Marte terraformato abitato da esseri semi-divini che giocano a fare gli dei greci e tornano indietro nel tempo alla guerra di Troia per pilotarne gli eventi con tanto di professori universitari di Letteratura resuscitati per fare i consulenti... insomma, un bel casino. La vicenda qui arriva a una parziale soluzione, in attesa di un sequel (uno vero, così inteso da Dan Simmons e non dall'editore italiano) quanto mai atteso. Lo stile di Simmons è la chiave del fascino del romanzo, poco da dire: una gragnuola di riferimenti alla tradizione greca classica - snocciolati per giunta con il tono aulico e la retorica un po' da guitto di un antico bardo - inframezzati a terminologia ultra-tech e proiettati sullo sfondo apocalittico di una Terra morente che ricorda i peggiori incubi di un James Ballard o di un Jack Vance. Il tutto col ritmo irto di stop e ripartenze e l'elettricità di una suite progressive rock. E trasudando amore per le vecchie storie, i grandi amori, le feroci battaglie, le emozioni corrusche della letteratura del tempo che fu. Irresistibile, no?

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER