Indelebile

Indelebile

Sara Linton, pediatra e medico legale della contea di Grant, non ha superato la separazione dall’ex marito ‒ il capo della polizia Jeffrey Tolliver ‒ e la mattina che si presenta alla centrale per parlare con lui di un presunto omicidio coglie l’occasione per esternare ancora una volta i suoi sentimenti. Finisce per umiliarsi ma non le importa, è ancora convinta delle qualità dell’uomo che ama come quando si frequentavano da poco tempo e lei, malgrado le dicerie che si raccontavano su quel ragazzo irresistibile agli occhi delle donne ma di umili origini e con un padre in galera, non poteva fare a meno di difenderlo di fronte alla madre. Nella centrale di polizia mentre Sara e Jeffrey continuano le loro scaramucce, ferve una frenetica attività: Marla Simms, la segretaria, assolve instancabile alle sue mansioni e i poliziotti lavorano ai vari casi, ma sono appena entrati due giovani che sembrano avere intenzioni preoccupanti. È Sara la prima a subodorare il pericolo, ma proprio mentre richiama l’ex marito a stare all’erta, i ragazzi si rivelano armati fino ai denti e nel giro di pochi minuti compiono una strage. Il loro obiettivo è il capo della polizia che scambiano con un altro agente che muore all’istante, infatti Jeffrey cade a terra apparentemente privo di vita anche se poi si riprende, ma i due killer sono convinti di averlo ucciso. Oltre a lui si salvano Sara, la segretaria Marla, alcuni agenti e alcune bambine di una scolaresca in visita alla centrale di polizia, che diventano gli ostaggi di un sequestro che sembra non aver alcun motivo. Nel frattempo Lena Adams, agente alla dipendenze di Jeffrey che deve rientrare in servizio dopo una pausa proprio il giorno del suo compleanno, si trova a partecipare alle operazioni per la salvezza degli ostaggi dirette dalla dottoressa Amanda Wagner. La poliziotta è incinta e sa che il bambino è del suo amante Ethan, un ragazzo possessivo più giovane di lei di cui vorrebbe liberarsi, ma malgrado i problemi si vuole dimostrare all’altezza del ruolo che la sua professione le impone e accetta di entrare nella centrale di polizia travestita da infermiera. Parallelamente l’autrice racconta le terribili vicende che caratterizzarono diversi anni prima la visita al paese natale di Jeffrey dei futuri sposi, che avranno un inevitabile risvolto sulla presente tragedia che si sta consumando alla centrale di polizia…

Indelebile è il quarto romanzo del ciclo di Grant, le storie che hanno come ambientazione la contea dove vivono la dottoressa Linton, l’ex marito e la poliziotta Lena, una serie composta da sei volumi di cui purtroppo gli ultimi due non sono mai stati tradotti nel nostro Paese. In questi romanzi Sara e Jeffrey vivono ormai separati e sperimentano la dolorosa esperienza di continuare a lavorare a stretto contatto presso la centrale di polizia, occupandosi di omicidi commessi da presunti serial killer. Il ciclo ha origine con il romanzo La morte è cieca, dove le cartoline che la pediatra riceve ogni anno da un ammiratore interessato a rimanere nell’anonimato, potrebbero far luce su l’omicidio di una donna trovata in fin di vita e con una croce impressa sul petto. In Tagli secondo volume del ciclo Sara assiste all’omicidio di Jenny, una ragazza che in passato è stata sua paziente, e nel terzo romanzo Corpi la morte di uno studente universitario dà il via una serie di delitti che sembrano presentare ancora una volta il modus operandi di un serial killer. In Indelebile non c’è solo l’ennesimo caso che mette alla prova l’amore tra Sara e Jeffrey, ma anche la storia di come è nato il loro legame, un sentimento incancellabile che spinge i due protagonisti a incrociare le loro esistenze costantemente, come indelebile è però anche il passato del capo della polizia della contea di Grant. Per quanto lui possa aver fatto per far dimenticare le sue origini queste ritornano a perseguitarlo in eventi drammatici che lo sconvolgono, come accade a Sylacauga il paese di origine di Jeffrey dove i due innamorati vanno in vacanza all’inizio della loro storia. Sara lotta contro questo indelebile marchio che Tolliver si porta con sé, sa provare empatia nei confronti di Jeffrey e desidera solo far emergere i reali tratti della sua personalità, ma si trova a combattere con una realtà di provincia che nei suoi limiti culturali preserva la malvagità che può contrastare ogni buona intenzione.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER