Ingannevole è il cuore più di ogni cosa

Ingannevole è il cuore più di ogni cosa
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Hai quattro anni e un bel (!?) giorno arrivano a casa tua delle assistenti sociali e ti portano via. I tuoi genitori - mentre l’automobile dove ti hanno caricato nonostante le tue lacrime e le urla si allontana – non fanno nulla per tenerti con loro, non ti difendono, nemmeno ti fanno ciao. Eppure erano affettuosi con te, sembravano volerti tanto bene e ti facevano sempre dei regalini. Viene fuori che non erano i tuoi veri genitori, erano solo persone alle quali eri stato dato in affidamento. Viene fuori che la tua vera mamma è una diciottenne sgangherata vestita come una rocker, che ciancica gomma da masticare, fuma continuamente, si lava poco e dice un sacco di parolacce. Tu fai di tutto per farle capire che non vuoi stare con lei, anche se ti ha regalato un pupazzo di Bugs Bunny, e le assistenti sociali non fanno che consolarla e darle pacche sulla schiena. Con loro Sarah - si chiama così la tua nuova/vecchia mamma - fa la santarellina e fa vedere di lavorare giorno e notte per mantenerti, in realtà ti lascia solo a casa spesso e volentieri e ti tratta bruscamente. Cominci a bagnare il letto, e progetti di fuggire. Ma la polizia ti riprende e ti riconsegna a Sarah, che intanto fa una valanga di telefonate (false, ma tu hai quattro anni e non lo capisci) per dimostrarti prima che i tuoi genitori adottivi non ti vogliono più, poi addirittura che sono morti tutti, assassinati per colpa tua. Alla fine, stremato, accetti Sarah e la sua vita disastrata. Fugge via dagli assistenti sociali e ti porta via con sé nella sua macchina vecchia. Dormite negli autogrill, e lei si guadagna i soldi per mangiare (e bere, e fumare) prostituendosi con i camionisti. Con loro ti spaccia come suo fratello piccolo (chi vuole stare con una diciottenne che ha già un figlio?): perlopiù ti ignorano, e qualcuno è addirittura simpatico. Non tutti, però: c’è il giovane cowboy per il quale Sarah prende una scuffia, un pazzo che ti frusta a sangue con la cinta. E c’è il tipo strano con cui si sposa: partono e ti lasciano giorni e giorni solo in casa a mangiare sottilette, poi torna lui da solo perché Sarah l’ha già lasciato e ti violenta per ore. In preda a una violenta emorragia, scappi e ti raccolgono di nuovo i poliziotti. A questo punto interviene la pazzesca famiglia di Sarah, un’accozzaglia di invasati religiosi...
Questo romanzo travestito da antologia è quello che ha generato il fenomeno J.T. Leroy, poi rivelatosi uno dei ‘fake’ letterari meglio riusciti del ‘900, con una ragazza cicciottella travestita da ex-prostituto biondo platino bisbigliante con cappellone e occhiali neri d’ordinanza a tenere in scacco i mass-media di tutto il mondo (noi – modestissimamente – compresi) e a suscitare le smanie d’adozione di mezzo star system hollywoodiano dalla cattiva coscienza. E’ l’agghiacciante discesa nell’abisso di un bambino sottoposto alle torture sentimentali e fisiche più incredibili, e al contempo una puntuta e sguaiata satira della cultura statunitense profonda, quella delle città della cosiddetta ‘Bible Belt’, quella bianca e povera. Più che un romanzo di formazione, il diario allucinato e allucinante di una sistematica distruzione che stringe il cuore, il tutto scritto in un feroce stile pop minimale. Certo, la natura di fiction del libro toglie fascino a una serie di scelte estetico-letterarie (il protagonista si chiama Jeremiah e il titolo è una citazione biblica dal Libro di Geremia, per dirne una, con tutto quello che consegue all’accostamento tra gli stilemi di una antica religione e una storia di pedofilia, abbandono, droga, degrado estremo), ma non abbastanza da renderlo una lettura non necessaria. Il rapporto madre-figlio qui dipinto è un rovente incubo edipico che ci travolge emozionalmente a livello ancestrale e profondissimo, lasciandoci senza fiato. Dal libro – in pieno boom mediatico sulla figura di J.T. Leroy – è stato tratto un film diretto e interpretato da Asia Argento.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER