Kaboom! Cinema post-apocalittico e dintorni

Kaboom! Cinema post-apocalittico e dintorni
Kaboom! Ecco il suono della bomba nei fumetti. Kaboom come apocalisse, o meglio post-apocalisse. Chi non ha mai visto un film o letto un libro ambientato in un mondo postnucleare? Il periodico Bizzarro Magazine inizia la sua avventura nelle lande desolate, assolate e affamate del dopobomba, dove orde di punk su moto e veicoli improbabili si sventrano a colpi di ascia e mitragliatrice per qualche goccia d’acqua e dove il problema dello schiavismo non è così diverso da come appariva alla fine del 1800… Kaboom è la disperazione di uomini e donne che vorrebbero non essere mai sopravvissuti alla catastrofe nucleare…
Il mercato dei libri è morto. Quello delle riviste e dei giornali è ormai stato seppellito da anni. Come sfatare questi luoghi comuni e dare nuova linfa all'editoria italiana? In tanti rifiutano la pratica dell'ebook e si avventurano in altri lidi. Che spesso assumono sembianze poco definibili. Parliamo di quei prodotti editoriali che stanno a metà tra le riviste e i libri, prodotti non una tantum ma periodici con una linea marcata e riconoscibile. Bizzarro Magazine rientra pienamente in questa categoria. Prima di tutto sfatiamo una falsa credenza: il prezzo troppo alto. Quattordici euro sono un prezzo medio per un libro. E Kaboom!, titolo del primo numero di Bizzarro Magazine, non solo ha il numero di pagine di un (breve) libro – siamo sulle 120, ma ha anche una veste grafica, una cura per la carta e la stampa che è quella delle riviste più lussuose. Parliamo insomma di grammatura pesante, foto a colori ad alta qualità, copertina cartonata a colori con alette, insomma di un gioiellino che accontenta anche il nerd più sfegatato. Che dire dei contenuti. Premettendo che il primo numero di un prodotto del genere non può spingersi troppo nei territori paludosi della ricerca,  il focus sul cinema post-apocalittico ci sembra pienamente coerente. Tanto più che per i mesi a venire le notizie che trapelano parlano di argomenti decisamente meno frequentati e studiati. Citato il titolo, Kaboom! appunto, tutto quello che c'è intorno è una scoperta, pagina dopo pagina. Chi ha definito Bizzarro Magazine un periodico di cinema non ha capito niente. Prendi diverse penne illuminate, forniscigli la giusta dose di libertà e follia e avrai un calderone all'interno del quale troverai fumetti, cinema, racconti, disegni, recensioni, considerazioni e approfondimenti storici, sociali, parasociali... chissà perché, chissà percome, tutto questo non crea caos. Al massimo interesse per un ulteriore approfondimento. Si inizia con “Trailer comics” a cura, tra gli altri, di Massimo Dall'Oglio e il clan dei Krakatoa: brevi fumetti ai cui autori è stato chiesto di immaginare un film postapocalittico ma di disegnarne esclusivamente il trailer. Si continua con il dizionario essenziale del cinema del dopobomba… e poi approfondimenti vari, spiccano quelli sull’immancabile Ken il Guerriero e sugli scenari Steampunk.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER