L’enigma della resurrezione

L’enigma della resurrezione
Nel 74 dopo Cristo due giovani studiosi di Pergamo, Dario e Demetrio, fanno una scoperta sensazionale. Dalle carte di Luca di Antiochia infatti, celebre discepolo della setta di Yehoshua ben Yosef - meglio conosciuto come Gesù di Nazareth - emergerebbe che il maestro della Torah, da molti riconosciuto come il Messia tanto atteso, non sarebbe morto sulla croce quaranta anni prima a Gerusalemme ma sarebbe ancora vivo da qualche parte. I due decidono di intraprendere così un lungo viaggio che li porterà proprio sulle tracce di Gesù e a scoprire che quello che Luca di Antiochia ha fatto intendere nei suoi misteriosi scritti corrisponde proprio al vero. Tale sconvolgente rivelazione rimarrà sottotraccia fino al 1742, quando finalmente Ludovico Antonio Muratori ritroverà le pergamene di tale racconto, a firma di un misterioso Dario da Sidone. Il controverso manoscritto di questa storia del Cristo mai raccontata viene consegnato prontamente nelle mani del Pontefice Benedetto XIV. Irrimediabilmente le basi stesse della fede millenaria del Cristianesimo vacillano pericolosamente. Il Papa si troverà così di fronte a un vero e proprio nodo gordiano, difficilissimo da sciogliere: fare trionfare la verità o tacere per mantenere lo status quo della Chiesa di Pietro? Benedetto XIV opterà per una scelta responsabile, qualsiasi cosa questo significhi…     
Il romano Aldo Cirri da oltre venticinque anni scrive per il teatro. È anche un ottimo autore umoristico, tanto da avere vinto nel 2003 la seconda edizione del premio letterario Dino Durante – Sganassade & Sganassoni con il racconto “Il raptus di Savonarola”. Il suo dramma Pagine strappate si è anche aggiudicato numerosi riconoscimenti nel campo della sceneggiatura teatrale così come la sua farsa Tecnica del colpo di Stato nel 2007. L’enigma della resurrezione però rappresenta un vero e proprio salto di qualità per questo scrittore. Il lettore verrà immediatamente catturato infatti da questo mistero mistico-storico e attraverso lo spazio e il tempo potrà tentare di decifrare la trama se vogliamo esoterica di questo romanzo intelligente e profondo, che ha nella verosimiglianza e nei continui colpi di scena i suoi punti di forza. Difficilmente si riesce a staccarsi dalle pagine, fino allo sconvolgente finale. Un romanzo questo che torna di estrema attualità anche alla luce di quanto sta accadendo proprio in questi giorni in Vaticano: il filone à la Codice da Vinci sembra quindi essere un genere intramontabile, ma non tutto il male vien per nuocere. Anzi, quando si tratta di opere di tale qualità e bellezza si può parlare di una vera e propria “benedizione”.  

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER