L’isola misteriosa

L’isola misteriosa
Autore: 
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 

1865, la Guerra di Secessione infuria negli Stati Uniti. Cyrus Smith, ingegnere delle ferrovie nato in Massachussetts e coraggioso nordista, viene catturato a Richmond insieme al corrispondente di guerra del “New York Herald” Gedeon Spilett. Dopo un periodo di convalescenza presso l’ospedale sudista, Cyrus scopre che Nab, lo schiavo da lui affrancato, ha corso innumerevoli rischi per raggiungerlo e aiutarlo, dimostrandogli una lealtà inaspettata. Mentre ragionano su come scappare dalla città, incontrano il marinaio Pencroff che nutre la stessa idea e vorrebbe portare con sé l’adolescente Herbert Brown, figlio del suo Capitano ormai deceduto. L’occasione arriva mentre imperversa l’uragano che flagella il continente. Il gruppo, a cui si unisce anche il cane di Cyrus, ruba un pallone aerostatico e si alza in volo nel cuore della tempesta. Trascorrono alcuni giorni in cui rischiano la vita sorvolando l’Oceano Pacifico, il pallone viene danneggiato e dagli strappi fuoriesce gas. Nonostante gettino in mare tutta la zavorra continuano a perdere quota, nonché la speranza. È il pomeriggio del 24 marzo quando l’abbaiare snervante del cane Top attira l’attenzione dei fuggiaschi verso una crosta di terra che emerge dall’Oceano. Un’isola compare all’orizzonte proprio mentre l’aerostato precipita in diagonale e si schianta tra i flutti. Gli uomini nuotano disperatamente verso la riva, ma Cyrus Smith e Top sono trascinati lontano dagli altri dalla violenza delle onde. Per i quattro naufraghi che si preparano a trascorrere la loro prima notte sull’isola sconosciuta la priorità è trovare i dispersi…

Pubblicato a episodi tra il 1874 e il 1875 sulla rivista “Magasin d’Éducation et de Récréation”, L’isola misteriosa viene poi raccolto in un unico volume nello stesso anno tramite l’editore Pierre Jules Hetzel. Il romanzo costituisce il capitolo conclusivo della trilogia composta da I figli del capitano Grant e Ventimila leghe sotto i mari. I naufraghi sono l’esempio della capacità umana di adattarsi all’ambiente che li circonda, attingere alle proprie conoscenze e coalizzarsi per sopravvivere in un ambiente sconosciuto e ostile. L’amicizia e la lealtà che lega questi individui, diversi per età ed estrazione sociale, costituisce la loro forza. Avventura, intelligenza, soluzioni degne di un moderno McGuver rendono le situazioni del romanzo sia divertenti che azzardate. In più occasioni la salvezza arriva improvvisa, il mistero mantiene vivo l’interesse e le pagine si susseguono arricchite da nozioni geografiche, chimiche, geologiche che hanno tutt’oggi un certo fascino. Fino all’incredibile colpo di scena. Lo scrittore francese Jules Verne, vissuto tra il 1828 e il 1905, è ritenuto uno dei più grandi narratori di avventura e fantascienza. Sua la creazione della leggendaria figura del Capitano Nemo e del suo Nautilus che ha nutrito l’immaginario di tanti lettori, giovani e adulti, e rimpolpato una vasta produzione cinematografica e fumettistica. Numerose infatti le trasposizioni anche de L’isola misteriosa, la più recente è rappresentata dal film del 2012 del regista Brad Peyton, liberamente ispirata al romanzo. Inoltre si sono avuti adattamenti più o meno fantasiosi, dalla pubblicazione tutta italiana su “Il Giornalino” nel 1970 al videogioco per la Microsft prodotto dalla canadese The Adventure Company del 2004. E chissà quanti spunti si avranno ancora in futuro, grazie al genio senza tempo di Verne.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER