La caduta

La caduta
Rafael Moreno è solo nel suo appartamento. È la notte del 31 dicembre 2001, e dall’esterno si sente distintamente il frastuono del nuovo anno in arrivo. Madrid e tutte le altre città del mondo sono indaffarate a festeggiare l’inizio del nuovo millennio. Rafael, pubblicitario famoso, si gode il silenzio del suo appartamento nel cuore di Madrid. Silenzio interrotto dall’arrivo di un ragazzo. Porta con sé un pacco. I due si guardano. Il ragazzo è il figlio di Rafael e questo è il loro primo incontro. Eve ha diciannove anni. È stata stuprata a Parigi. La sua vita è a pezzi. Non sa se tenere o meno il figlio che porta in grembo. Continua a chiedersi perché alle suore violentate nel convento di Banja Luka è stata data la possibilità di abortire mentre per lei è una questione così dilaniante. Helladios non ha lasciato la Grecia negli anni Settanta. È rimasto ad Atene sognando un futuro diverso, migliore. Quello che vede, seduto in un angolo della trattoria di famiglia, è un paese in ginocchio, affamato, senza futuro, con i giovani che hanno perso il lavoro: suo nipote, ad esempio, impila cassette del pesce in uno dei mercati rionali che si trovano attorno al porto, gli altri fanno i manovali, lavori umili e pagati pochissimo. Che cosa lega tutte queste storie così diverse? Qual è il filo rosso che le collega in maniera indissolubile?...
Giovanni Cocco, trentasette anni, al suo esordio narrativo, costruisce un romanzo potente, corale, caleidoscopico. Presente e passato si uniscono incastrando storie di vita quotidiana per rappresentare i vari momenti della storia che abbiamo vissuto e seguito su ogni media, di cui abbiamo discusso, per cui abbiamo tenuto il fiato sospeso. Cocco intreccia sapientemente la narrazione raccontandoci le sorti delle donne e degli uomini di una generazione in bilico sull’orlo del baratro. Lo stile è frammentario – e non lo si dice in senso negativo, anzi – ed  è stato definito “rapsodico”. Se amate Bolaño, Dos Passos, Pynchon, Barth, non potrete non amare La caduta, non restare rapiti da questo romanzo che traccia la parabola decadente e la crisi di tutto il mondo occidentale. Cocco modella il suo romanzo sulla Bibbia: La caduta si ispira alla Genesi ed è il primo di altri tre romanzi che vedranno la luce nei prossimi anni. Potremmo considerarlo un progetto un po’ troppo ambizioso. Eppure questo esordio così intenso fuga ogni dubbio: si tratta ‘semplicemente’ di un progetto interessante, La caduta è una scommessa vinta, e a noi lettori non resta che aspettare il sequel. 

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER