La camera chiara

La camera chiara
Il saggio breve ma intenso - l'ultimo della produzione in vita del noto semiologo e filosofo strutturalista francese - prende le mosse da alcuni scatti famosi di fotografi del calibro di Mapplethorpe, Avedon, Klein, Kertész e altri (incluso lo stesso autore) per arrivare a delineare una classificazione di ‘come e cosa’ guardare in una foto. Lo scatto per Barthes è interessante se coesistono lo studium (“una sorta di interessamento, senza particolare intensità”) e il punctum, che infrange grazie a un particolare, una “fatalità”, o un segno, lo studium, come una ferita. Da queste categorie si parte analizzando le foto che più lo hanno colpito, inglobando il ricordo della madre, del Tempo/Morte e del punto di vista di chi scatta, di chi viene scattato e di chi vedrà le foto. In ultima analisi la fotografia è un’arte impalpabile e insondabile, un “medium bizzarro, una nuova forma di allucinazione: falsa a livello della percezione, vera a livello del tempo, [...] velata di reale”. Il potere di questo mezzo di comunicazione è infinito e se generalizzato può diventare deturpante, ma c’è comunque una via d’uscita. “Pazza o savia? La fotografia può essere l’una o l’altra cosa. [...] Sta a me scegliere se aggiogare il suo spettacolo al codice civilizzato delle illusioni perfette, oppure se affrontare in essa il risveglio dell’intrattabile realtà”. Dal particolare della top-hit personale alla generalizzazione estetica che si trasforma in etica. Un percorso intimo e puntiglioso, una visione che tira in ballo Italo Calvino, Husserl, Lyotard, Morin, Proust e altri grandi pensatori del secolo scorso...
Cos’è una fotografia? Quando scattiamo col cellulare le immagini da far vedere ad amici e conoscenti, cosa facciamo? Mettiamo in moto connessioni tra visione, significato, significante e altri paraphernalia estetici. Come discutere sull’oggetto-foto, oggi che ci pervade, sovrasta, condiziona e martella ovunque? L’immagine è uno dei problemi della critica filosofica di sempre, un terreno di analisi che ha dato origine a tonnellate di libri, riviste, convegni ed opinioni, più o meno quadrate. Ma la fotografia come arte, chi la pratica oggi? Sono sempre di più gli appassionati di scatti selvaggi, galvanizzati anche dalla proliferazione di macchine più o meno professionali che ci permettono di fermare il tempo. Di questa grande massa di nerd o di artistoidi che pubblica migliaia di shot al giorno (non solo su facebook) quanti si sono chiesti se esiste veramente l’oggetto foto? Un’ontologia del frame non è cosa da tutti, e chi meglio di Roland Barthes poteva cimentarsi in un’impresa così titanica?In poco più di cento pagine, un piccolo grande classico di semiotica dell’arte. Non solo per addetti ai lavori.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER