La casa della saggezza

La casa della saggezza. L'epoca d'oro della scienza araba
Baghdad nel IX secolo è la capitale dell’impero abbaside e una delle città più belle e popolose del pianeta, è soprattutto il centro di una vitalità intellettuale come raramente si era visto. Con il califfo al-Ma'mūn nasce e si sviluppa l’epoca d’oro della scienza araba. La leggenda vuole che egli si fosse dedicato alla conoscenza dopo aver fatto un sogno su Aristotele. La verità però è un’altra: l’alto interesse degli abbasidi per i testi greci, persiani e indiani. Furono proprio i rappresentanti di questa dinastia a sovvenzionare il cosiddetto “movimento di traduzione”, che in due secoli tradusse in arabo quasi tutto il sapere del passato. Il desiderio di al-Ma'mūn era di raccogliere in un’unica grande biblioteca tutti i libri del mondo affinché i suoi studiosi potessero consultarli. A tal proposito creò la Casa della Saggezza, fondamentale per le opere contenute nella sua biblioteca e per le idee scientifiche che vi furono elaborate. Da questo studio privato del palazzo di un califfo emerse una generazione di matematici, astronomi, ingegneri, medici, che posero le basi del pensiero moderno soprattutto a livello metodologico. Pensatori come al-Khwārizmī, i fratelli Banū Mūsā, al-Kindī, seppero coniugare scienza e tecnica, comprendendo pienamente le potenzialità insite nella collaborazione tra queste due discipline. Il crollo dell’impero abbaside alla fine del X secolo segnò il declino del movimento di traduzione e della Casa della Saggezza ma non il venir meno della grandezza della scienza araba. Dalla seconda metà del X secolo l’Islam avrebbe conosciuto le speculazioni di Ibn al-Haytham, Ibn Sinā più noto come Avicenna, al-Bīrūnī…
In occidente si conoscono bene Avicenna e Averroè, al massimo si cita al-Khwārizmī per aver dato il nome all’algoritmo, ma vi è un profondo silenzio su tutti gli altri grandi intellettuali arabi medioevali che hanno avuto un’influenza determinante sulle scienze contemporanee. Jim Al-Khalili, docente di fisica teorica presso la University of Surrey e autore de La fisica del diavolo, racconta la nascita e lo sviluppo di questo importante movimento, analizzando le cause che l’hanno prodotto. In modo particolare insiste sulla funzione di anello di congiunzione che il pensiero arabo ha svolto, dall’IX all’XI secolo, tra la cultura greca e il Rinascimento del ’400 e del ‘500. Gli scienziati e filosofi arabi non si sono limitati a tradurre e studiare i testi ellenici - e già questo sarebbe un merito non da poco - ma li hanno usati come base per allargare ulteriormente il campo della conoscenza. Se pensatori come Tolomeo o Aristotele sono stati considerati dall’intellighenzia islamica punti di riferimento assoluti, ciò non ha impedito di mettere in discussione le loro idee quando si mostravano incongruenti con la realtà fenomenica. La modernità della scienza araba sta nello “spirito di indagine razionale” che l’ha permeata. Basta fare un semplice esempio: il metodo sperimentale, attribuito ai vari Bacone, Copernico, Galilei, era già stato elaborato e sostenuto dal fisico ibn al-Haytham e da al-Bīrūnī. Moderno è anche il modo in cui gli intellettuali arabi hanno trattato lo spinoso rapporto tra scienza e religione. Pur essendo quasi tutti ortodossi, hanno sempre voluto affermare l’autonomia della scienza dalla teologia, rivendicando l’aspetto razionale della prima sulla seconda. Al-Khalili ricostruisce con abilità lo zeitgeist di un’epoca, ponendo l’attenzione sui suoi protagonisti, sulle loro opere e scoperte capaci di anticipare i tempi del sapere umano. Precisa e dettagliata è la contestualizzazione storica, il clima politico e intellettuale della Baghdad abbaside o dell’Andalusia islamizzata è reso con immagini vivide. La casa della saggezza è un libro dotato di una scrittura scorrevole e brillante che sa rendere piacevoli le asperità del saggio di natura scientifica. È soprattutto un atto d’amore nei confronti della conoscenza umana che, come suggerisce l’autore, non ha confini né nazionalità.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER