La civiltà dell’occidente medievale

La civiltà dell’occidente medievale
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Il periodo storico che va dal X al XIII secolo costituisce il cuore del Medioevo. Sono gli anni in cui le città, sotto l’impulso della crescita urbana, assumono sembianze più definite rispetto al passato. La nascita di un’economia monetaria conferisce sviluppo alle attività artigianali L’introduzione del mulino a vento accanto a quello ad acqua, dell’aratro a vomere asimmetrico, dotato di avantreno mobile su ruote e trasportato da buoi o da cavalli, consentono maggiore impulso allo sfruttamento dell’agricoltura. L’adozione della bussola nella navigazione e il progressi registrati nel settore della misurazione elevano il livello del commercio marittimo. Il tasso di alfabetizzazione progredisce e se anche la Chiesa conserva saldamente il proprio controllo ideologico e intellettuale, il sapere amplia i propri orizzonti. Compaiono sulla scena professioni giuridiche e mediche, moderne figure sociali e  nuovi ordini monastici. Le condizioni di vita delle persone mutano profondamente, in un clima non più segnato dal mero spirito di sussistenza… 
La casa editrice Einaudi manda in libreria una nuova edizione di uno dei testi fondamentali del noto storico francese Jacques Le Goff,  pubblicato per la prima volta nel suo Paese nel 1964. Animato da una ferma persuasione che il Medioevo abbia costituito uno snodo essenziale nell’evoluzione della civiltà occidentale, l’autore ci consegna in questo denso volume un affresco assai diverso rispetto alla tradizione comune. La ricostruzione del periodo, che dagli anni seguenti alle rovine dell’Impero romano giunge sino al Cinquecento, mette in luce il progressivo affermarsi di uno status che ha dato origine a molte delle innovazioni tipiche del nostro tempo e si rivela per il lettore un percorso di lettura di fascino inconsueto per un saggio storico. Di notevole interesse è l’indagine condotta sui tre secoli e mezzo che vanno dall’anno Mille alla peste nera, segnati degli effetti del passaggio della sussistenza alla crescita. Una crescita che genera nuovi atteggiamenti nei riguardi del tempo, del lavoro, del denaro, provocando forme di resistenza delle classi subalterne e un appesantimento del cristianesimo della paura da parte della Chiesa.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER