La decisione di Brandes

La decisione di Brandes
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
“Decidi tu. Se vuoi riavere i tuoi quadri, devi solo darmi il Cranach”. Una minaccia velata che lascia Brandes davanti ad un bivio: consegnare a Walter Andreas Hofer, “consigliere” artistico di Goering, la “Madonna col bambino” di Cranach, unico ricordo di suo padre, o  dire addio per sempre ai suoi quadri confiscati dai nazisti?  Mentre i giorni passano e le minacce si fanno sempre più incalzanti, Brandes, pittore espressionista, ormai solo e gravemente malato, cerca di rimandare il più possibile la sua decisione. Indeciso se resistere o cedere, chiuso nel suo studio in una Parigi occupata dai nazisti, Brandes ripercorre con la memoria gli eventi più importanti della sua vita: la guerra nelle trincee, il  matrimonio con Eva, l'instaurarsi del nazionalsocialismo, la separazione, la morte di suo figlio e l'amore per Alma, una sopravvissuta ai campi di concentramento. Della sua carriera di pittore di “arte degenerata”, Brandes ricorda soprattutto gli inizi, quando fu avviato dal padre all'amore per i colori e allo studio dell'arte, fino allo sviluppo di una tecnica pittorica unica. Nei giorni decisivi prima dell'ultima visita di Hofer, Brandes ha tutto il tempo per  fare  un bilancio della sua incredibile vita, cercando di aggirare le trappole della memoria e di trovare la forza per prendere la sua decisione definitiva...
La decisione di Brandes, romanzo vincitore del “Premio Qwerty - Miglior romanzo catalano dell'anno” nel 2007 e del “Premio della critica catalana” nel 2006,  è la storia di una resistenza sottile, non spettacolare, che riesce proprio nel suo essere piccola a dare senso ad una vita intera. Per delineare il dilemma morale di Brandes, Eduard Márquez si ispira  ad una storia vera, quella del pittore George Braque che, ricattato dai nazisti, dovette scegliere tra la consegna di un Cranach e le sue proprie opere. Da questa idea si sviluppa un racconto scritto con un registro minimalista ma intensamente poetico (Márquez è autore di vari libri di poesia), delicato e avvincente allo stesso tempo. La narrazione in prima persona rende difficile, se non impossibile, staccarsi dal romanzo, le pagine si divorano in attesa di sapere quale sarà la decisione del protagonista. Tuttavia ben presto ci si rende conto che questo non conta, che il bello sta nel viaggio, nel percorrere nei ricordi di Brandes le tappe importanti che hanno segnato la sua vita, presentate assolutamente non in ordine cronologico e cambiate per sempre dalla soggettività della memoria. Un romanzo che è anche una dichiarazione d’etica, nel mezzo della “megalomania e grandiloquenza contemporanee”.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER