La via del tabacco

La via del tabacco
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

C’è povertà sulla via del tabacco e nessuno lo sa meglio di Jeeter Lester, capofamiglia di quello che rimane del suo nucleo familiare, ormai composto solo da sua moglie Ada, la cui sola preoccupazione è avere un bel vestito per la sepoltura; Ellie May, la sua unica figlia nubile, rimasta tale per un labbro leporino che suscita disprezzo e paura persino nei negri; quel gonzo di suo figlio Dude che spera di poter guidare presto una macchina con un clacson rumoroso e la vecchia Mamma Lester, passata dall’obesità a pesare neanche quaranta chili, un peso morto devastato dalla pellagra. E, sempre sulla via del tabacco, a Jeeter capita di tanto in tanto di incontrare qualcuno, come suo genero Luv, al quale ha svenduto in sposa la sua bella figlia Pearl a neanche dodici anni o quella predicatrice dal naso così malformato da sembrare mozzato, Bessie, che con la scusa di raccomandare la sua anima e quella dei fedeli a Dio, insidia Dude per rimpiazzare il vuoto lasciato dalla vedovanza. Il nulla e la morte; questo rimane sulla via del tabacco, ma nonostante ciò chi è nato figlio della terra non può morire in una filanda o almeno è ciò che pensa Jeeter. Lui non si piegherà come tutti gli altri al guadagno facile delle fabbriche dei ricchi, lui tornerà a far crescere il cotone lì in quel piccolo terreno dove vive, dovesse condannare a morte se stesso e tutti i suoi cari. Certo, senza nemmeno un centesimo per mangiare e con quella nera legna di quercia che non arderebbe nemmeno nelle fornaci dell’inferno diventa difficile farsi dare semenze e guano a credito, ma Dio è con lui. Il Signore opera in modo imperscrutabile e anche quando sembra essersi dimenticato dei suoi figli, sicuramente farà in modo di dargli una qualche gioia dopo le inenarrabili sofferenze. Così prova a farsi forza un uomo la cui ostinazione è pari solo alla sua pigrizia, un corpo macilento in balia di una modernità che avanza senza fare prigionieri…

La via del tabacco, opera tra le più note di Erskine P. Caldwell, venne pubblicata per la prima volta nel 1932 e racconta le vicissitudini di una famiglia di sottoproletari bianchi – oggi diremmo white trash – alle prese con una povertà scaturita dal passaggio dall’economia di matrice agricola del Sud statunitense a quella industriale, che ha a poco a poco trasformato gli agricoltori in operai, lasciando però indietro sulla strada del progresso tanti che per sfortuna o per ostinazione (è il caso del protagonista Jeeter Lester) non hanno abbracciato il nuovo modo di produzione. La scrittura di Caldwell, secca e asciutta, freddamente giornalistica, è una lente di ingrandimento sulle umane miserie dei Lester, prigionieri di un passato umile ma dignitoso che non tornerà più e che anzi, appare sempre più sfocato agli occhi di tutti i membri della famiglia, ormai prede di malattie e stati di insania che oscillano tra la catatonia e un’animalesca iperattività. Ascrivibile per tematiche al genere Southern Gothic, il romanzo affronta questioni scomode e crude, sfociando qua e là in situazioni grottesche ma ferocemente drammatiche – il furto del sacco di rape ai danni del povero Luv, o l’investimento di mamma Lester ad opera di una macchina, profonda allegoria di una modernità che tutto travolge – che fanno vivere al lettore un forte senso di immedesimazione nelle umane miserie dei personaggi. La città come miraggio per una vita migliore, la fame e la malattia che scorticano i corpi e le anime dei Lester, la parola di Dio come unica, flebile speranza (o spiegazione) per un destino crudele in cui gli ultimi sembra che siano rassegnati a essere sempre gli ultimi, l’involuzione dell’uomo ad animale accecato dal desiderio e dal soddisfacimento dei bisogni primari: questo e altro è racchiuso in questo capolavoro di Caldwell. Un requiem recitato in aridi campi una volta coltivati, tra baracche e disperati, luoghi dell’anima dove la volontà di Dio assomiglia più a un silenzio tombale che a un canto di vita eterna.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER