La dinastia

La dinastia

Egitto, dintorni di Alessandria, 30 agosto del 30 dopo Cristo. Un ragazzo sta fuggendo, invano. Doveva avere un incontro con coloro che ora lo stanno inseguendo ma poi ha creduto bene di scappare. Nonostante lui sia un semidio, pensa, e nessuno possa fargli del male, ha provato un profondo senso di paura. E quando viene raggiunto, al ragazzo viene tagliata la gola. Colui che gli toglie la vita si chiama Agrippa e chi ha dato l’ordine di ucciderlo è Ottaviano, il vincitore di Azio. Il ragazzo, invece, si chiamava Cesarione ed era figlio di Cesare e Cleopatra. Ottaviano ha ucciso il sangue del suo sangue e per questo su di lui cala una maledizione lanciata dalle parole di Rodone, il precettore del ragazzo: tutto ciò che Ottaviano costruirà sarà destinato a crollare. I trionfi, i vincoli familiari, l’impero. E così, infatti, accade. Dopo Ottaviano ci saranno Tiberio – fautore di un regno di terrore; il folle e vizioso Caligola; Claudio, ucciso da sua moglie Agrippina; Nerone, l’imperatore che si macchierà di matricidio, fratricidio e uxoricidio, e il cui nome resterà legato all’incendio di Roma: l’ultimo della dinastia giulio-claudia…

Moumentale. La dinastia di Andrea Frediani è un romanzo storico di oltre settecento pagine che ripercorre le origini e gli sviluppi del’impero romano a partire da ciò che accadde dopo la celeberrima battaglia di Azio che segnò, di fatto, l’alba di un nuovo periodo per l’Urbe. La ricostruzione di circa un secolo di storia in cui si succedettero i cinque imperatori della dinastia giulio-claudia, destinata a scomparire con la morte di Nerone nel 68 d.C. Partendo da Ottaviano Augusto e dal suo gesto che getterà sui suoi discendenti una terribile maledizione, il romanzo si dipana seguendo un ordine cronologico che trascina il lettore in una Roma imperiale in cui moltissime furono le novità che migliorarono le condizioni dei cittadini, ma anche le contraddizioni. Sfilano in queste pagine personaggi che sono rimasti incolumi allo scorrere del tempo, anche grazie alle testimonianze storiche di Tacito, Svetonio e Cassio Dione: Agrippa, Livia, Giulia, Antonia, Agrippina e molti altri. Spicca, nelle prime pagine del romanzo, la grande faida tra la famiglia dei Giulii e quella dei Claudii, la cui fusione darà vita ad una delle dinastie più importanti della storia. E tra tradimenti, scandali, assassinii, terrore, lotte e brama di potere, la lettura de La dinastia corre veloce piacevolmente, contraddistinta da una peculiarità che è punto di forza della produzione di Frediani: l’estremo realismo nel raccontare e descrivere eventi lontani ormai oltre due millenni. Ma questa volta lo scrittore romano si è superato, dando vita ad un romanzo inarrivabile, ambizioso e completo. Semplicemente perfetto.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER