La giuria

La giuria

Biloxi, Mississippi. Jacob Wood è morto di cancro ai polmoni a cinquantun anni, dopo aver fumato tre pacchetti di sigarette Bristol al giorno per quasi trenta. Per questo motivo, sua moglie Celeste ha deciso di citare in giudizio la Pynex, una delle “Big Four”, le quattro maggiori aziende produttrici di tabacco degli Stati Uniti, discendenti addirittura dai grossisti di tabacco che operavano nel diciannovesimo secolo in Virginia e nelle due Caroline: un’impresa titanica, dato che mai un’azienda di tabacco ha perso una causa. Un dato di fatto che Wendall Rohr, avvocato dell’accusa, vuole demolire, giungendo ad un verdetto che farebbe storia e rivoluzionerebbe definitivamente il mondo dell’industria del tabacco con danni economici clamorosi. A lavorare come primo rappresentante del collegio che difende la Pynex in aula è invece Durwood Cable , uno dei migliori avvocati sulla piazza, con circa trent’anni di carriera alle spalle. Prima che inizi il processo, le parti lavorano alacremente allo studio dei possibili giurati, perché è proprio la giuria ad avere in mano le sorti della disputa ed è per questo motivo che la difesa si è affidata a Rankin Fitch, un oscuro consulente che, tramando nell’ombra, ha già fatto vincere numerosi processi ai produttori tabacco. Il suo è un modo di agire illegale: fa pedinare i giurati; li fa ricattare; cerca di corromperli; li minaccia. Ma questa volta deve fare i conti con un misterioso giurato di cui nessuno sa nulla e che sembra avere in mano le redini di tutta la giuria, riuscendo a plasmarne le opinioni e i giudizi a suo piacimento: Nicholas Easter…

Settimo romanzo della sterminata produzione narrativa del maestro e fondatore del legal thriller John Grisham, La giuria è, insieme al Il socio, tra quelli che hanno raggiunto un successo universale. Vuoi perché è una descrizione efficace di ciò che accade dentro e fuori i tribunali quando a ballare sono i grandi interessi economici; vuoi perché rivela i meccanismi oscuri che si celano dietro agli ingranaggi che fanno muovere un procedimento giudiziario, La giuria è un’opera che sapientemente mescola le atmosfere asettiche del genere “legal” agli avvincenti intrighi del thriller vecchio stile, e che nel 2003 ha ispirato l’omonima pellicola diretta da Gary Fleder con un cast stellare ˗ John Cusack, Rachel Weisz, Dustin Hoffman e Gene Hackman  ˗ e una sostanziale differenza, visto che il film si basa su un processo intentato ai danni dell’industria delle armi da fuoco. Non resta, quindi, che immergersi totalmente nella lettura e nella visione de La giuria e farsi catturare da due trame che nelle loro differenze offrono spunti di riflessione sull’industria del tabacco e delle armi, croce e delizia di sistema giudiziario che conosciamo sempre di più attraverso i romanzi di John Grisham.



0
 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER