La morte non sa leggere

La morte non sa leggere
"Eunice Parchman sterminò la famiglia Coverdale perché non sapeva leggere, perché non sapeva scrivere. Non c'era movente, non ci fu premeditazione: non ottenne denaro, né sicurezza". Gli unici risultati furono che un'intera famiglia scomparve dalla terra, tutta la nazione conobbe Eunice per il suo analfabetismo e lei fu rovinata per sempre. Essere analfabeta è come essere deformi, incivili: se l'illetterato vive tra i suoi simili, tutto scorre bene, non viene emarginato e può anche riuscire a nascondere il suo limite, ma Eunice era andata a servizio in una famiglia particolarmente colta. Se i Coverdale fossero stati borghesi poco istruiti, oggi sarebbero ancora vivi...
Questo capolavoro di Ruth Rendell edito nel 1977 è una feroce e puntuale ricostruzione del percorso che porta la protagonista a diventare una pluriomicida. L'incipit è straordinario, essenziale, con due frasi lapidarie l'autrice ci racconta tutto il dramma che nelle pagine a seguire sarà minuziosamente approfondito.Quasi come in un'analisi freudiana ogni aspetto dei personaggi viene indagato in maniera spietata, ogni azione è  un controcanto all'ossessione che implacabile modifica la quotidianità in un tormento spaventoso. La Rendell svela ricatti, espedienti, psicosi e il lettore è portato a trarre conclusioni che inesorabilmente si dimostrano false. La tensione narrativa è forte, Ruth Rendell sottolinea ogni momento significativo della storia con l'inserimento calibrato di ipotesi che se si fossero realizzate ne avrebbero cambiato il corso. L'ignoranza è ciò che ha impedito alla protagonista di trovare una soluzione diversa  dall'omicidio per il suo disagio e sarà ancora la sua ignoranza che la porterà a essere scoperta. Non è un caso che questo magnifico romanzo sia stato il soggetto per ben due film, nel 1986 La morte non sa leggere di Ousama Rawi e nel 1995 Il buio nella mente di Claude Chabrol.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER