La scomparsa delle api

La scomparsa delle api
Le api scompaiono e, se a prima vista può sembrare un dato irrilevante, le ripercussioni potrebbero essere ben più gravi che l'assenza di miele dalla tavola. Questi insetti infatti sono responsabili - attraverso l'impollinazione - di un terzo dei raccolti e rappresentano un cardine dell'alimentazione, dell'economia mondiale e degli equilibri naturali. L'allarme è finora rimasto circoscritto a esperti come apicoltori, produttori di miele e frutta e scienziati che, alla ricerca di un colpevole, additano di volta in volta il riscaldamento globale, l'uso di pesticidi, le onde elettromagnetiche emesse dai cellulari, la sistematica distruzione di ambienti naturali effettuata dall'uomo. Probabilmente le responsabilità dell'eccidio sono di tutti questi fattori e molti altri ancora. Questa scomparsa è dunque il segnale che l'uomo ha oltrepassato un limite, ha spinto troppo in là il suo impatto distruttivo sull'ecosistema. Una frase attribuita ad Albert Einstein avverte che "Quando scompariranno le api, all'umanità resteranno quattro anni di vita". Forse quattro anni sono troppo pochi, forse l'uomo potrebbe anche riuscire a cavarsela, ma perché rischiare?
Sylvie Coyaud riesce nel suo libro, una raccolta di saggi sull'argomento, a tratteggiare con grazia e spigliatezza l'importanza e la gravità del problema estinzione delle api. Grazie alla sua abilità di divulgatrice – scrive di Scienza per D di Repubblica, per Il Sole 24 Ore e ne parla a Radio Popolare - riesce a catturare il lettore, e a portarlo con sé nei meandri intricati di questa inchiesta a metà tra giallo scientifico e romanzo di fantascienza. Tutti gli aspetti della questione sono ampiamente trattati: origini, cause, conseguenze e inquietanti futuri possibili fatti di api-robot e arnie meccanizzate. Sebbene l'argomento sia di moda e quanto mai attuale, non è facile parlare di ambiente (le api sono ambiente, tanto quanto le piante, i mari, le montagne o l'uomo) in maniera poco noiosa, senza scadere nel banale e nell'iperspecialistico. L'autrice qui riesce perfettamente nell'intento, e anche se La scomparsa delle api non è propriamente un libro che si può leggere tutto di un fiato, è un libro che avvicina il grande pubblico a questioni che troppo spesso per pigrizia o ignoranza tende ad ignorare e trascurare.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER