Le mani su Parigi

Le mani su Parigi
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Parigi, 1985. Noria Ghozali è una giovane poliziotta magrebina. Una carriera acerba e noiosa la sua, piena di piccoli casi inutili da risolvere. Almeno finché non le capita tra le mani il ritrovamento del cadavere di una donna. È un’escort di alto livello, uccisa brutalmente con un colpo di pistola alla gola e poi, in modo altrettanto brutale, abbandonata. Rapidamente. O almeno così fanno pensare una serie di indizi. Finalmente un caso degno di questo nome per Noria. Un omicidio dietro il quale c’è molto di più. C’è Francois Bernard, vecchio amico e consigliere personale del Presidente. Una cosa grossa, che potrebbe portare alla luce verità scomode e molti più intrighi del previsto. Come la faccenda del contrabbando di armi e di missili di guerra in Iran, proprio ad opera di chi sta ai piani alti. Noria ha 19 anni e una vita semplice e segnata da un passato difficile. Questa è la sua occasione. Più grande di lei...

Le mani su Parigi. Una metafora che nasconde un’immagine ben precisa e quasi fisica. Il romanzo di Dominique Manotti rappresenta materialmente la “presa” della corruzione all’interno di uno Stato apparentemente lindo, ma pieno di intrighi, come quello francese. Intrighi che emergono sin dalle prime pagine e dalle descrizioni accurate della vita dissoluta, collusa e “sporca” di chi dovrebbe tenere saldo il Paese. Dovrebbe, appunto. Le storie parallele di ciò che succede ai piani alti del governo e delle indagini di Noria si accavallano scandite da intense descrizioni particolareggiate. La droga, il sesso, la corruzione degli uomini politici, la bassezza dell’uomo divorato da interessi economici e di successo. Tutto rappresentato con uno stile letterario diretto e privo di qualsiasi orpello stilistico, ma non per questo meno elegante e avvincente. Anzi. Il lettore sa tutto. Il lettore sa cosa c’è dietro l’omicidio dell’escort. E c’è molto di più di quello che le vicende possono rappresentare. C’è la mancanza di scrupolo e di qualsiasi valore che non siano soldi e interessi. Parigi è in una morsa. Quelle mani che citano il titolo del romanzo di Dominique Manotti sono di carne. Le sentiamo per tutto il libro. E così lo divoriamo, appassionati da vicende che assomigliano tanto a quelle di un thriller. Un thriller molto vicino alla realtà.



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER