Le mille e una morte

Le mille e una morte
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Ripudiato dalla famiglia, X inizia a viaggiare per il mondo fino a quando non rischia di annegare nella baia di San Francisco. Ripescato mezzo morto, si ritrova a fare da cavia umana su un’isola adibita a laboratorio scientifico… Tra Bâtard e Black Leclère, un cane ed il suo padrone, si instaura un rapporto fatto di odio reciproco nell’eterna lotta tra l’uomo ed il lupo che si esaurisce tra un cappio ed un proiettile… Un uomo decide di risalire da solo il fiume Yukon a 60° sottozero. L’iniziale spavalderia si trasforma presto in dramma quando panico ed un principio di congelamento rendono impossibile accendere un fuoco per salvarsi la vita… Subienkow si aggrega in Alaska ad una squadra di cacciatori di pellicce che tiranneggia una comunità di pellerossa. Quando gli indiani si ribellano, i cacciatori sono fatti prigionieri e sottoposti ad immani torture. Tutti, tranne Subienkow… Sedley Crayden, dopo la morte del fratello, crede di vederlo ancora seduto al suo scrittoio. Pur convinto che si tratti di allucinazioni, perde la tranquillità a saperlo lì. Non gli resta altro che occupare ininterrottamente la sua sedia… Un soldato in perlustrazione si ferma in una fattoria abbandonata per fare scorta di mele. Scoperto dai nemici inizia una forsennata corsa a cavallo per raggiungere il fitto del bosco e salvarsi… Bassett è un geologo nell’entroterra di Guadalcanal. Lì è rapito da un suono soave: il suono del Dio Rosso, venerato dalla tribù con tributi di sangue. Roso dalla febbre, Bassett chiede di morirgli davanti per sentire l’ultima volta quel suono come una tromba di arcangelo…

Le mille e una morte è una raccolta di racconti accostati per tema - quello della morte, appunto - che si manifesta nei contesti narrativi più amati da Jack London: la natura, il viaggio, la vita per mare, l’esplorazione tracciando anche, come un’autobiografia, la linea della sua turbolenta esistenza. I personaggi, tutti, affrontano i loro ultimi istanti di vita con sfrontatezza e sfacciataggine. Scherniscono la morte, che per i contesti è quasi sempre violenta, come per esorcizzarla ma senza opporvisi, alla fine. In tutto e per tutto, ci troviamo davanti alla sintesi delle ossessioni umane (che sono poi anche quelle di London): una natura aspra ed inospitale con le sue fiere ed i suoi demoni; la lotta contro i propri mostri interiori ed i propri germi di follia; gli interrogativi ancestrali sulla vita dopo la morte.

 


 

0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER