Le vampire di Londra

Le vampire di Londra
In una nebbiosa e notturna Londra di fine Ottocento, un uomo e una donna si incontrano alla stazione di Saint-Pancras. Sono le dieci di sera, e l'uomo è arrivato per salutare la donna in procinto di lasciare Londra. Una nave per New York e una missione segreta l'attendono. Entrambi hanno qualcosa che sembra renderli molto diversi dalle persone che li circondano. Entrambi nascondono un lato oscuro. Appena fuori Londra, in un cimitero abbandonato, le sorelle Amber e Luna Wilcox si risvegliano all'interno di due bare. É notte fonda ed entrambe sono state seppellite sotto due lapidi recanti il nome di altre due ragazze. Il loro ultimo ricordo è quello di essersi addormentate nei loro letti. Come hanno fatto a finire li e  perché? Le ragazze si incamminano verso la città per cercare di tornare a casa e far luce su ciò che le è accaduto. Ma una volte giunte qui, le attende una brutta sorpresa: la loro casa è andata in fiamme, la matrigna sembra essere perita nell'incendio, mentre del padre non si ha più alcuna traccia. Sole e senza più punti di riferimento, si ritrovano così a girare per le vie di una città che di notte si trasforma in un regno popolato da creature oscure e misteriose e dove nell'ombra si muove e colpisce il sanguinario Jack lo Squartatore. Ma  Amber e Luna  non sono più delle ragazze indifese. A dispetto del loro fragile e pallido aspetto, hanno acquistato un incredibile forza e la capacità di vedere nel buio. Cosa può esserle successo? Nei sotterranei di Londra strane cose stanno accadendo e una lotta tra il bene e il male si è messa in atto, arrivando perfino a coinvolgere la Corona inglese e la regina Vittoria in persona. Qualcuno è già sulle tracce delle sorelle perché proprio loro, grazie ai nuovi poteri acquisiti, possono aiutare i “buoni” a sconfiggere il male supremo, dietro cui si nasconde niente meno che il padre di tutti i vampiri: il conte Dracula…
Primo libro di una saga che si prospetta avvincente e originale, Le vampire di Londra porta la firma dello scrittore francese Fabrice Colin, autore di numerosi racconti e romanzi per adulti e ragazzi, che deve ad un’immaginazione, una fantasia e una creatività fuori dal comune il suo successo. Sceneggiatore, autore di fumetti, giochi di ruolo e programmi radiofonici per France culture, grazie ai suoi libri è riuscito ad aggiudicarsi per ben tre volte il Grand Prix de l’imaginaire. Appurato che ormai il “vampiro” e tutto ciò che ruota intorno a lui fanno tendenza, se da un lato Colin cerca di rispondere alle esigenze dell'attuale mercato letterario del cosiddetto ‘urban fantasy’ – scegliendo anche lui per protagonisti dei vampiri – lo fa sicuramente nel modo più innovativo e anticonformista. Chiunque pensi che la saga dedicata alle sorelle Wilcox sia l'ennesima storia d'amore dark tra umani e vampiri si sbaglia. Qui le due vampire adolescenti si ritrovano coinvolte in una missione segreta destinata a coinvolgere il destino del mondo intero, un mondo popolato da immortali, sette segrete, vampiri e creature notturne che si muovo e agiscono indisturbate tra i comuni mortali. Ma non solo. Già, perché  le sorelle sono destinate ad incrociare la loro strada con illustri personaggi e grandi figure storiche – sia reali che frutto dalla fantasia letteraria di grandi autori del passato – come la regina Vittoria, Jack lo Squartatore, Sherlock Holmes e il suo assistente Watson, Abraham Stoker (l'autore del primo Dracula) e il conte Dracula in persona. Tra questo tripudio di personalità e in un atmosfera grigia e nebbiosa – quasi gotica – di una Londra vittoriana seguiamo queste sorelle vampire che, nella ricerca di un padre scomparso e di una verità oscura, si ritrovano coinvolte in una lotta contro le creature del male, il tutto narrato con un stile scorrevole e incalzante, adatto a tutte le età – e a tutti gli amanti dei vampiri! In Francia è già uscito il secondo volume della saga: in attesa della sua uscita anche qui in Italia, gustiamoci l'inizio di questa storia che – tanto per citare una frase presa dall'articolo di Le Monde dello scorso luglio 2010 – sa di “sangue fresco”.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER