Liberazione e altre prose inedite

Liberazione e altre prose inedite
Traduzione di: 
Genere: 
Articolo di: 

Sul monte Cristallo, all’interno di un convento sospeso tra il versante tirolese e quello italiano, suor Maria è al capezzale d’un moribondo e, mentre il canto d’un tordo in cattività preannuncia l’arrivo della primavera, l’uomo sussurra alla suora il suo testamento e le declina il suo “credo”, proprio lì, dove: “la morte è un ufficio divino”. Così, le sue parole attecchiranno e fioriranno in Lucia Trevi (questo è il nome di battesimo di suor Maria), portandola proprio verso la sua liberazione… In un circolo borghese gestito da Dagny Borg, altera padrona di casa, i due “russi di Montecarlo”, un elegante fratello pianista e una goffa sorella violinista, ninnano un’affollata serata borghese come tante, una di quelle che sembra appassirsi piano, come una nenia, tra le malignità di quel mondo e le cadenze del vivere… Laura Farina, “la divina”, è la donna-dea amata e adorata da tutti. Eppure, durante una corsa di cavalli fuori porta a Roma, Laura incontra, per la prima volta, due occhi a lei indifferenti e che, senza alcun timore reverenziale, non decantano la sua essenza, come fanno tutti, ma le spiattellano, come un pugno in pieno viso, ciò che lei non è: le intonano in faccia la sua miseria umana…

In questa fiera, più o meno eterogenea, di “tipi” (e soprattutto di “tipe”) borghesi, Else Jerusalem libera la società a lei coeva – e lo fa con un occhio particolare sulle donne – dai lacci della finta (o doppia) morale e del perbenismo; mediante una prosa fine e creatrice di immagini, svela le singole miserie umane: nello stesso modo in cui libera Lucia Trevi dal suo inverno di clausura forzata e l’accompagna fuori per mano, come con una bambina che vede, per la prima volta, la primavera. Racconta gli amori sotterranei, li svincola; descrive la fragilità umana che, quanto più si gonfia in sé stessa, più è in realtà tremendamente fragile e sbugiardabile: bastano solo due occhi puri… quelli di una bambina, o quelli di una scrittrice: di Else Jerusalem.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER