Maledettismo

Maledettismo
Jean Morin, ai più noto come Le Pourpe Jean a causa della sua passione per il colore porpora, è un giovane nobile avvezzo alle più sfrenate passioni della vita. Il suo vivere, però, ha un rovescio della medaglia non indifferente, che lo conduce ad ammalarsi di sifilide: a tradirlo, nel fiore dei suoi anni, la più dolce delle cose possedute, l’amore… Hans e Lalie, figli di Madame Yvette Blanchard, condividono la parentela e anche un sentimento comune: l’amore. La madre però si guarda bene dal permettere loro di essere identificati come dei deviati, dei peccatori, e ben presto trascinerà la figlia lontano da Hans. Il dolore dei due giovani si manifesterà in maniera diversa, tra l’uno che non sopporterà la lontananza e l’altra che cercherà soddisfazione altrove… La morte di Arielle Dumas porta lo sconforto nella famiglia Leclerc, soprattutto in Armand, che tanto era affezionato alla domestica. L’arrivo di Jacqueline in sostituzione della serva defunta, cambia lo stile di vita del giovane Leclerc, che cede ben presto all’amore della giovane. Dietro ogni grande storia passionale, però, c’è spesso un retrogusto amaro e la presenza di Jacqueline in casa non è per niente naturale e pura…
Valeria Biuso ci mette dinanzi a una raccolta di racconti ansiogeni: un inanellare di storie crude, angosciose e che mirano a narrare la sofferenza dell’animo umano, spesso beffato dal sentimento dell’amore. Tutti i suoi racconti racchiudono un retrogusto amaro per la passione che condiziona i suoi protagonisti. Nonostante la narrazione a singhiozzo - soprattutto nel primo racconto, quello con Jean Morin protagonista - il concetto, che incespica anche in un modo di narrare un po’ troppo austero e arcaico, riesce a svilupparsi compiutamente nei tre precisi atti di Syd Field e sviluppare una prospettiva grigia, tendente al cupo. L’intento non riesce, però, in tutti i racconti, con alcuni di essi che racchiudono delle conclusioni poco chiare (o comunque meno di altre) e perdono lo stile macabro che viene professato dall’autrice nella prefazione.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER