Manuale del guerriero della luce

Manuale del guerriero della luce
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Una donna misteriosa invita un bambino a scoprire un antico tempio che sorge su di un'isola. I vecchi pescatori, invece, lo collocano in una leggenda: l'isolotto giacerebbe, ormai sprofondato, negli abissi del mare. Gli uomini rivelano, inoltre, che le campane del tempio continuano a rintoccare quando la risacca le fa ondeggiare, e che il loro canto può essere udito dalla spiaggia, se il vento è favorevole. Il bambino, incuriosito, è pronto a iniziare un cammino che lo porta a scoprire entro sé l'empatia dell'essere che è diverso dal tutto ma che solo in comunione con il tutto può sentire il suono di quelle campane. Il bambino, divenuto ormai adulto, è pronto per accogliere le verità che compongono il manuale del guerriero della luce…

È difficile collocare quest'opera in un genere letterario preciso. Ad eccezione del prologo e dell'epilogo – più eminentemente narrativi - è costituita da insegnamenti slegati tra loro, piccole perle di saggezza che formano i vari capitoli del racconto. La bellezza della scrittura di Paulo Coelho consta nella semplicità delle costruzioni letterarie, cui riesce a imprimere una sorprendente forza espressiva. Il manuale del guerriero della luce è affidato da una donna enigmatica all'uomo che è diventato il bambino che cercava il canto delle campane. Attratto dai tesori di un tempio sommerso, il bambino dagli occhi pieni di meraviglia ha iniziato e portato a termine un percorso meditativo che lo ha fatto isolare completamente dal mondo e infine tornare a esso attraverso la percezione dello stesso dapprima nelle sue specificità e poi nella sua totalità. Ha impiegato molto tempo, sottraendolo ai giochi d'infanzia, ma sa di non averlo sprecato: ha compiuto un percorso spirituale, imparato un metodo induttivo di osservazione. È il tempo speso in contemplazione che lo rende diverso dagli altri. Tuttavia, è pronto ad accogliere le rivelazioni della donna soltanto quando è adulto, indipendente e in procinto di affrontare in piena autonomia il suo cammino individuale.  L'apprendimento/addestramento del guerriero, simbolicamente identificato con l'infanzia, lo rende in grado di affrontare le sfide del cammino che egli stesso sceglierà. D'ispirazione filosofica, le indicazioni contenute nel manuale sono molto simili ad aforismi che svelano all'uomo il sentiero verso la luce. Le massime, dal sapore vagamente orientale, segnano un cammino fatto di delicati equilibri tra la foga e l'urgenza della vita e l'agire con assennatezza, mai per fini egoistici e in disaccordo con la natura. «Il guerriero della luce è colui che è capace di comprendere il miracolo della vita, di lottare fino alla fine per qualcosa in cui crede, e di sentire allora le campane che il mare fa rintoccare nel suo letto», esordisce la donna misteriosa che non invecchia e pare essere l'incarnazione della Conoscenza: ella spinge l'uomo alla ricerca spirituale e detta lui i precetti quando è pronto a recepirli, rispettarli e diffonderli. Il guerriero della luce deve affrontare diverse prove nel corso del suo cammino e appartiene alla luce proprio perché è umano e può cadere in errore: gratitudine, amore, coraggio, fede, misericordia, perseveranza, sono le sole armi necessarie all’uomo nel corso della sua vita. La battaglia del guerriero è la vita stessa.



 

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER