Medicina – La storia illustrata

Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

La storia della Medicina affonda le sue radici fin nel passato remoto dell’uomo. Le grandi culture antiche in Mesopotamia, Egitto, Cina e India hanno sviluppato una propria Medicina, intrecciata con il mondo degli dèi, dei demoni e degli spiriti. Circa 2500 anni fa in Grecia e poi a Roma si affermò invece un approccio diverso, incentrato sul corpo umano. Ma con la caduta dell’Impero romano e il Medioevo il progresso si arrestò. All’incirca dall’VIII secolo nel mondo islamico Al-Razi, Ibn Sina e altri studiosi fondarono ospedali e riportarono nelle cure mediche gli aspetti umanistici dell’approccio ippocratico. Bisogna però attendere secoli in Europa per avere progressi decisivi in campo anatomico come la scoperta della circolazione sanguigna a opera di Harvey (1628) e Marcello Malpighi (1661), la messa a punto di una tecnica chirurgica per rimuovere la cataratta da parte di Jacques Daviel (1748), l’introduzione su larga scala della vaccinazione contro il vaiolo ad opera di Edward Jenner (1796), l’utilizzo dell’anestesia grazie ad Humphry Davy (1799). Il secolo XIX è forse quello decisivo: Louis Pasteur e Robert Koch confermano la teoria dei germi, si scoprono decine di batteri, agenti patogeni di terribili malattie; Wilhelm Röntgen scopre i raggi X; Sigmund Freud sviluppa i principi della psicoanalisi; Willem Einthoven introduce l’elettrocardiogramma; viene messa in commercio l’aspirina. Il Novecento è il secolo degli antibiotici, dell’insulina, della chemioterapia, degli antistaminici, della chirurgia specializzata, delle vaccinazioni di massa, della scoperta del DNA. La genetica ha assunto la guida di tutti gli altri sviluppi all’alba del XXI secolo…

Il divulgatore stakanovista Steve Parker, autore di più di 300 testi per adulti e bambini, ha lavorato per anni nello staff del Natural History Museum di Londra ed è Senior Scientific Fellow della Zoological Society of London. Qui – in collaborazione con Alexandra Black, Philip Parker, Sally Regan e Marcus Weeks – cura i testi di un volume in cui a farla da padrone sono però le immagini, grandi e coloratissime, esaltate dal grandissimo formato del volume. Ogni capitolo racconta una fase storica ed è introdotto da una accurata timeline, utilissima per mettere nella giusta relazione le diverse scoperte. Idee rivoluzionarie, scienziati talmente avanti rispetto ai loro tempi da risultare quasi eretici, storie di epidemie spaventose si susseguono in quasi 300 pagine che è una gioia per gli occhi percorrere (a partire dalla copertina in rilievo) e che vanno a costituire una vera e propria epica del pensiero umano e della sua lotta contro la morte e le malattie. Unica pecca, la netta anglocentricità del testo, che – per fare solo un esempio – descrive la nascita degli ospedali e della professione infermieristica senza nemmeno nominare l’Italia, il Santo Spirito e una figura decisiva come Camillo De Lellis, dando l’illusione che riguardo agli ospedali non succeda nulla di degno di nota fino al Settecento in Inghilterra. Un prezioso glossario chiude il libro, che rinnova la grande tradizione delle strenne illustrate ed è perfetto per un bel regalo di Natale.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER