Missione impossibile

Missione impossibile

Durante il governo del grande Traiano, infuria la seconda guerra dacica. Nell’accampamento romano Rufo Sita sta puntando forte contro una recluta in una partita ad astragali. Rufo sta perdendo moltissimi sesterzi, benché abbia truccato la partita per vuotare le tasche al giovane Vibio Messio. I creditori gli stanno sempre alle costole ed è certo che, nel caso in cui non riuscirà a onorare tutti i suoi debiti, non arriverà vivo alla fine della campagna in Dacia. Messio, poi, gli è particolarmente antipatico perché lo considera un raccomandato. È infatti fratello del celebre centurione Gaio Messio, colui il quale si stava guadagnando la fama di eroe omerico, vincendo una battaglia dopo l’altra. Accecato dall’invidia e dalla rabbia per aver perso una montagna di denaro, Rufo Sita, dopo un’accesa discussione, accoltella alla gola Vibio Messio, lasciandolo esangue a terra. Nel frattempo l’Impero subisce un duro colpo. Longino, uno degli uomini-chiave per l’imperatore, viene rapito da Decebalo, re dei daci. Il salvataggio appare immediatamente come una missione suicida, dato che bisogna attraversare completamente le linee nemiche, nel cuore dell’inverno. Si offre volontario un giovane e inetto tribuno di nome Lucio Valerio a cui vengono affidati soli cinque uomini, degli autentici avanzi di galera tra cui l’assassino Rufo Sita. Il manipolo di disperati ignora però che anche il centurione Gaio Messio gli dà la caccia per vendicarsi del fratello assassinato…

Andrea Frediani è un autentico maestro del genere storico e collabora, tra l’altro, con diverse riviste specializzate nel campo bellico e geopolitico, tra cui spicca “Focus Wars”. Con Newton Compton ha pubblicato i suoi romanzi storici più celebri, tradotti già in sette lingue, tra cui Jerusalem, la trilogia Dictator, la serie Gli invincibili e una quadrilogia sulla figura di Ottaviano Augusto. Anche in questo Missione Impossibile l’autore si distingue per lo stile fluido e avvincente che conferisce modernità alla storia narrata e spezza il ritmo tipico di questo tipo di romanzi, molto spesso vittime di un eccessivo retaggio saggistico. Le vicende storiche qui fanno da sfondo alla sete di vendetta del centurione Messio. che deve superare mille ostacoli per cancellare l’onta della morte dell’amato fratello. Le scene di battaglia sono il vero fiore all’occhiello del romanzo, soprattutto quelle di guerriglia dacica, che daranno al lettore la netta impressione di trovarsi al fronte e al centro dell’azione. La storia privata del centurione, poi, si incastra perfettamente con il contesto storico, il primo decennio dell’anno cento dopo Cristo, quando l’imperatore Traiano volle cancellare nel sangue gli anni della vergogna di Domiziano. Decebalo e i Daci infatti, solo quindici anni prima, sconfissero innumerevoli volte le forze romane che tentarono di creare un saliente oltre il Danubio. Per chi ha voglia di leggere un romanzo storico un po’ diverso dal solito, che spesso sconfina nel romanzo di avventura e nel thriller, Missione impossibile potrebbe rappresentare una valida scelta.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER