Molto forte, incredibilmente vicino

Molto forte, incredibilmente vicino
Oskar Schell ha solo 9 anni quando suo padre perde la vita nella tragedia delle torri gemelle newyorchesi. Oltre ai ricordi, l'unica cosa che gli resta del genitore è una chiave conservata in una busta a nome Black. Da qui nasce l'ossessione di risolvere il mistero lasciato come testamento. Quale serratura apre quella chiave? E chi è il misterioso signor Black? La ricerca suburbana di Oskar si incrocerà con i ricordi della nonna e della madre, con il passato e il presente, con le sofferenze di chi ha vissuto sulla pelle le conseguenze della guerra e della devastazione...
Il viaggio post-9/11 di uno fra i tanti figli della tragedia americana che dall'infanzia sono approdati in un istante all'età adulta senza passare per l'adolescenza. Con un'impressionante diversità di stili e di tecniche narrative che mimano l'Ulisse joyciano e il Tristram Shandy di Sterne, la seconda opera di Foer ci parla dell'elaborazione del lutto da un punto di vista inconsueto: la mente di un bambino. Proprio qui sta il punto di forza di questo romanzo. La libertà e l'anarchia dell'infanzia danno la possibilità all'autore di stravolgere l'architettura del romanzo classico usando fotografie, bozze, diari, biglietti da visita e altri materiali che descrivono il sentimento di spaesamento e di infinita tristezza della parabola postmoderna di Oskar. Il bambino che percorre le strade di Manhattan e degli altri quartieri della Grande Mela è il simbolo della ricerca dell'identità in un presente privo di punti cardinali. Dopo aver letto l'ultima pagina restiamo sospesi per qualche secondo. Il fascino del bello aleggia nelle pagine di Foer e non ci lascia più. Ineffabile capolavoro.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER