Oltre l’inverno

Oltre l’inverno
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Brooklyn, dicembre 2015. Lucía Maraz, docente con un contratto temporaneo all’università di New York, impreca contro l’inaspettato freddo siberiano: nella sua Santiago la neve è solo un’immagine da guardare. New York è in stato d’emergenza e la pausa dal lavoro le permette di preparare un piatto cileno che le risolleva l’animo e allontana quella fastidiosa sensazione di solitudine. Nonostante la sua grazia naturale e l’eleganza flessuosa innata, sessantadue anni restano tanti per sperare ancora di innamorarsi, per aspettare un rapporto sereno e non solo avventure fugaci. Richard, il suo referente all’università, nonché suo padrone di casa, è l’unico candidato a oltrepassare la distanza per trasformare il loro rapporto in un legame sentimentale. Ma l’indifferenza di Richard rivela una vita solitaria ed enigmatica. E soprattutto una paura irrefrenabile di innamorarsi e di rompere l’equilibrio della sua solitudine. Una solitudine riempita solo dalla presenza, discreta ed indifferente, di quattro gatti, suoi coinquilini. L’avvelenamento di uno dei felini lo spinge a lasciare il suo comodo nido e ad affrontare le intemperie per portarlo nella clinica veterinaria più vicina. La giornata inizia davvero male e prosegue peggio: un banale tamponamento scatena una reazione a catena improvvisa che sconvolge la sua vita. Una vita, fino a quel momento, assai tranquilla…

Le vite di Lucía ‒ donna dal passato sofferente alla ricerca di un amore tardivo in Richard, imprigionato in una vita senza passione ‒ ed Evelyn, giovane immigrata clandestina, si incrociano: il destino le lega a doppio filo e, nello sviluppo del racconto, intreccia le loro storie attraverso i ricordi del passato. Più voci narranti per un romanzo che affronta il tema attualissimo dell’immigrazione e riesce, oltre all’esplorazione dei sentimenti (tipica della scrittura di Isabel Allende) a virare anche verso i toni del giallo e ad affacciarsi alle porte dell’inferno. Non mancano i riferimenti autobiografici: l’autrice cilena, come l’anziana protagonista ha, infatti, ritrovato l’amore dopo i settant’anni e, come la giovane Evelyn, ha lasciato il Cile per gli USA a causa della dittatura di Pinochet. La storia muove dal sud al centro del mondo: New York chiama, nonostante il gelo e la tormenta, i tre personaggi ad una missione ai limiti della legalità. Il freddo e l’inverno rappresentano, con uno stile coinvolgente e diretto, intenso ed accattivante, la metafora della vita: i tre protagonisti sono fermi nei ricordi, incatenati al passato, all’interno di una bufera, di un mondo che cambia velocemente. L’esperienza dell’amore e della solidarietà permetterà a tutti e tre di ritrovare la speranza, di superare i loro limiti e andare oltre. Oltre l’inverno, appunto.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER