Pene d'amore

Un ex nerd redento da una moglie paziente realizza una vecchia fantasia erotica… con colpo di scena finale; Chandra, una sexy insegnante a metà strada tra personal trainer e guru, ha in serbo un trattamento molto speciale per i suoi allievi/amanti; allo scrittore Tiziano Scarpa viene commissionato un racconto per un’antologia erotica tutta al maschile, ed ecco che l’abbozzo di un personaggio – un fantasma decisamente conturbante – bussa alla sua porta; chi vuol fare le scarpe a Carnevali detto Carne, rude sbirro sciupaputtane che non ha però dimenticato come si piange? un nonno inizia il proprio nipotino alla masturbazione, sulla scia del ricordo straziante e dolcissimo della moglie morta; la prima volta di Gaia, diciassette anni; un’emula di Monica Lewinsky nasconde nel gioco di labbra e lingua un’insospettabile arma…
Sette scrittori. Sette racconti. Erotici. L’idea dell’antologia è venuta a uno di loro, Gianni Biondillo, dopo essersi visto rifiutare – sì, insomma, censurare – per eccesso di pruderie un racconto dal settimanale femminile che glielo aveva commissionato. Una storia garbatissima e per nulla volgare, a dir la verità, che forse aveva fatto scandalo più per il fatto di esser scaturita dalla penna di un uomo che per i suoi contenuti. Come se, ormai, spettasse esclusivamente alle donne l’ufficio di raccontare l’eros tramite la letteratura. A questo stato di cose Pene d’amore (10 e lode a chi s’è inventato il titolo) vuol appunto rimediare, spostando l’attenzione, per una volta, sul sesso visto e vissuto dagli uomini. Ma – par condicio a parte e usando le parole di Gaia, la protagonista del bel racconto di Raul Montanari – i meccanismi dell’orgasmo maschile son forse “fin troppo decifrabili” rispetto alle “complesse involuzioni” dell’eros femminile, un soggetto decisamente più misterioso e intrigante (e che lo affronti una scrittrice o uno scrittore non fa poi molta differenza). Una considerazione, questa, che certo non vuol essere una critica: la polifonia di queste sette voci tanto diverse suona a meraviglia. Intrigante.

0
 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER