Persepolis

Persepolis
Il capolavoro d'animazione Premio della giuria al Festival cinematografico di Cannes nel 2007 arriva sul mercato home-video e come ultimamente spesso accade non in una collana dedicata ai film, ma in una dedicata ai libri: 'merito' di un volume allegato al dvd che contiene alcune interviste ai realizzatori (dagli autori Marjane Satrapi e Vincent Parounnad a Olivier Bernet, compositore della strepitosa colonna sonora, agli animatori Marc Jousset e Pascal Chevé), ad alcuni doppiatori della versione originale (Catherine Deneuve e Chiara Mastroianni) e italiana (Paola Cortellesi), ai produttori Marc-Antoine Robert e Xavier Rigault. In appendice, una selezione delle critiche più interessanti - alcune firmate dai 'nomi' più prestigiosi del giro tipo Mereghetti, Ferzetti e compagnia bella - apparse su quotidiani e settimanali. Una sorta di 'contenuti extra' su carta che si vanno ad aggiungere a quelli - già ricchi e di grande interesse per cinefili e non - presenti sul dvd...
Ce li vedete Brad Pitt e Jennifer Lopez nei panni dei genitori di una bambina che vive in Iran durante gli anni bui della caduta dello Scià, delle speranze democratiche soffocate nel sangue, dell'avvento al potere degli ayatollah con annesso oscurantismo religioso e della sanguinosa guerra contro l'Iraq? Naaaa... Eppure è una delle proposte piovute addosso a Marjan Satrapi per una versione  live-action del suo capolavoro a fumetti prima e in versione animata poi a seguito del grande successo di critica e pubblico ricevuto in tutto il mondo. Questo e altri gustosi 'dietro le quinte' li scopriamo in un volume breve ma che segue compiutamente la genesi del film d'animazione dalla scelta - difficile a causa della natura profondamente personale delle vicende trattate, ma vincente - di collaborare con un altro disegnatore (Vincent Parounnad) ai trionfi in quel di Cannes. Un libro che rappresenta un contorno gradevole per la portata principale (squisita tra l'altro), che rimane ovviamente il dvd con il film. Unico neo l'assenza di qualsiasi riferimento ai nomi dei curatori. Un po' di rispetto e gratificazione in più per il lavoro delle persone non avrebbe guastato.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER